RC Auto: nel 2016 è boom di polizze assicurative con scatola nera

Resi noti i risultati dell'indagine IVASS sui prezzi dell'assicurazione auto

Assicurazione RC Auto - La ricerca dell'IVASS sull'andamento dei prezzi delle assicurazioni auto nell'ultimo trimestre del 2016 ha rilevato nel nostro Paese, e in particolare al Sud, una forte diffusione dei contratti RC Auto che prevedono l'adozione della scatola nera.
RC Auto: nel 2016 è boom di polizze assicurative con scatola nera

Nel 2016 in Italia è notevolmente aumentata la diffusione delle assicurazioni auto che prevedono l’installazione della scatola nera nel veicolo, in particolare al Sud. Questo è uno dei dati più interessanti che emerge dall’indagine, condotta dall’IVASS (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni), sui prezzi dell’RC Auto applicati dalle compagnie assicurative nell’ultimo trimestre del 2016.

Tra i dati rilevati dalla ricerca c’è quello relativo al premio medio attestatosi a 420 euro, mentre comunque il 50% degli assicurati paga un premio inferiore a 379 euro. Rispetto alle precedenti rilevazioni la riduzione dei prezzi è rallentata, confermando una stabilizzazione nel secondo semestre 2016. Anche se con differenze più attenuate rispetto a prima, rimangono le forti differenze di prezzi da provincia a provincia: il prezzo più alto è quello della provincia di Napoli, mentre il più basso è quello della provincia di Oristano.

Oltre a registrare un incremento delle polizze online, l’indagine rileva al Sud il boom della assicurazioni auto con scatola nera. In particolare a Napoli e Caserta più del 50% dei contratti RC Auto prevedono la scatola nera, mentre a Catania, Reggio di Calabria, Salerno, Foggia, Crotone, Barletta-Andria-Trani, Palermo, Siracusa, Catanzaro, Bari e Ragusa la percentuale di polizze assicurative con scatola nera è di oltre il 40%.

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Assicurazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati