Salone di Ginevra 2022: un’altra cancellazione, rinvio al 2023

I motivi? La pandemia ancora in corso e la crisi dei chip

Salone di Ginevra 2022: un’altra cancellazione, rinvio al 2023

Il Salone di Ginevra 2022 non verrà svolto. Si tratta della terza cancellazione consecutiva per l’appuntamento svizzero, dopo aver rinunciato alle edizioni 2020 e 2021 per la pandemia. Questa volta è un annuncio piuttosto sorprendente, visto che solamente qualche giorno fa gli organizzatori avevano smentito la voce con forza.

I motivi della cancellazione

Non erano, invece, così infondate, anzi, quelle indiscrezioni. Tanto che, qualche minuto fa, è arrivato in redazione il comunicato ufficiale dell’addio anche all’edizione del febbraio 2022. I motivi? L’organizzazione mette sempre nel mirino la pandemia, tra i rischi di eventuali nuove restrizioni ed i problemi legati ai chip per le case automobilistiche. Volendo così evitare un’edizione a scartamento ridotto o, ancor peggio, ad una cancellazione in extremis.

“Nonostante tutti i nostri sforzi, dobbiamo affrontare i fatti e la realtà – le parole di Maurice Turrettini, presidente del comitato organizzatore del salone – la situazione pandemica non è sotto controllo e si presenta come una grande minaccia per un grande evento indoor come il GIMS”. Anche se, da altre parti, si parla anche di alcuni problemi economici legati al passaggio di consegne tra la vecchia e la nuova organizzazione, compreso l’affitto del Palexpo. Senza però conferme ufficiali.

Appuntamento al 2023

“Vediamo questa decisione come un rinvio, più che una cancellazione – prosegue Turrettini – Sono fiducioso che il Salone di Ginevra tornerà più forte che mai nel 2023”. Sarà davvero così? Le case automobilistiche sembrano sempre più prendere le distanze da questi grandi eventi per farne di propri privati e con un seguito esclusivo e dedicato. Vedremo cosa accadrà nel prossimo futuro, ma l’ipotesi di un viale del tramonto di queste manifestazioni, almeno nella loro forma classica, non è così peregrina.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati