Salone di Ginevra 2022, ufficializzate le date: si terrà dal 19 al 27 febbraio

Aperte le registrazioni agli espositori

Salone di Ginevra 2022, ufficializzate le date: si terrà dal 19 al 27 febbraio

Il Salone di Ginevra è pronto a riaprire i battenti. Dopo due anni di assenza per la pandemia, l’appuntamento del PalExpo vede la luce per l’anno prossimo. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, sono state ufficializzate le date dell’evento, che ospiterà i visitatori dal 19 al 27 febbraio 2022. 

Aperte le registrazioni agli espositori

Oltre ad annunciare le date, gli organizzatori della kermesse automobilistica elvetica hanno aperto le registrazioni agli espositori, comprese dunque le Casa automobilistiche. Ci sarà tempo di registrarsi fino a metà luglio per gli espositori che vorranno essere presenti tra gli stand del Salone di Ginevra 2022. Come consuetudine, l’apertura dell’evento al pubblico sarà anticipata da due giornate, il 17 e 18 febbraio, riservate alla stampa. 

In attesa di annunciare ulteriori dettagli sul format del prossimo Salone di Ginevra, che saranno svelati nelle prossime settimane, il CEO di GIMS, Sandro Mesquita, ha affermato: “Con l’apertura delle registrazioni degli espositori inizia ufficialmente l’organizzazione di GIMS 2022. Io e il mio team non vediamo l’ora di presentare il nostro concept d’evento a espositori e pubblico. Ci auguriamo vivamente che la situazione sanitaria e le relative normative anti-Covid ci consentano di realizzarlo”. 

Il primo annuncio al ‘Car of the Year 2021’

Già nei mesi scorsi, c’era fiducia sul ritorno del più importante salone europeo. Era stato Mesquita a rivelarlo, durante la cerimonia dell’Auto dell’Anno 2021, che aveva visto il trionfo della Toyota Yaris sulla Fiat 500.

Il direttore generale aveva mostrato grande ottimismo ed avevaparlato di accordi “vicini alla chiusura con i partner nelle prossime settimane”. Per poi annunciare qualche possibile cambiamento al format, al quotidiano svizzero La Matinale: “Ci permetterà di ritrovare una base stabile, ma anche di sviluppare l’evento. È molto probabile che lo spettacolo sarà molto più ibrido con una parte digitale più grande, ma ancora con una parte fisica di incontri”.

Due anni molto difficili

L’ultima edizione del Salone di Ginevra si è tenuta due anni fa, nel marzo 2019, quando nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo negli anni seguenti. Lo scorso anno è stato cancellato a pochissimi giorni dall’apertura, con i primi focolai di Covid esplosi in Europa e, in particolare, nel vicino Nord Italia.

Alla fine del giugno scorso, poi, è arrivata anche la cancellazione dell’edizione del 2021, sempre per le incertezze relative alla pandemia e per le conseguenze economiche della cancellazione del 2020. Ora l’appuntamento elvetico è pronto a rivedere la luce.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati