Stellantis: verso l’assenza al Salone di Ginevra 2022

Sarebbe un'assenza molto pesante per l'evento svizzero

Stellantis: verso l’assenza al Salone di Ginevra 2022

Il Salone di Ginevra 2022 è stato ufficialmente confermato nei giorni scorsi, ma l’organizzazione è ancora piuttosto a rilento. Molte case devono ancora dare la conferma della loro presenza ed altre sono più orientate su eventi personalizzati e sul ‘no’ al caro e vecchio salone. Sembra essere questo l’indirizzo anche di Stellantis.

Un’assenza molto pesante

L’assenza a Monaco pare, dunque, si stato un preludio ad un addio alla presenza ai saloni, almeno in questo momento, per il neonato gruppo, formatosi dalla fusione di FCA e PSA. Se fosse confermata, sarebbe un’assenza davvero molto pesante per l’appuntamento svizzero, considerando i numerosi brand all’interno del gruppo.

Da Fiat ad Alfa Romeo, da Peugeot a Citroen, passando per Maserati e Opel: una serie di marchi storici del mondo automotive, spesso protagonisti di anteprime molto attese a Ginevra. L’ultima volta, nel 2019, c’era stata la ‘prima’ della Centoventi e della Tonale concept, di cui si aspettava proprio al GIMS la versione definitiva.

Meglio gli eventi privati

A questo punto, pare non sarà così ed il gruppo italofrancese pensa ad un evento privato per presentare l’atteso nuovo SUV del Biscione. Genera più interesse, perché singolo e con l’attenzione completa di stampa e pubblico, costano di meno e c’è anche l’ipotesi della trasmissione anche in streaming per coinvolgere di più gli appassionati.

Sembra questo il pensiero sempre più comune all’interno di marchi e gruppi, mettendo così fortemente a rischio il futuro dei saloni a livello internazionale. Già prima della pandemia più di una casa rinunciava a qualche appuntamento, ora con il digitale ancor più diffuso la situazione per i saloni pare sempre più complicata.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati