Stellantis: una Peugeot 3008 è l’ultima termica prodotta a Sochaux

Ora lo stabilimento si concentrerà sui modelli elettrificati

Stellantis: una Peugeot 3008 è l’ultima termica prodotta a Sochaux

La fabbrica di Sochaux di Stellantis chiude un’era. È stata, infatti, prodotta l’ultima vettura termica al 100%, prima di dare spazio esclusivamente a modelli elettrificati. L’esemplare finale è una Peugeot 3008 di seconda generazione e si tratta della vettura numero 1.388.163 uscita dalle linee dello stabilimento transalpino.

”Un nuovo capitolo”

Questo sito è stato fondamentale per il successo di questo modello, che ha avuto numeri importanti di vendita sin dall’esordio ed ha permesso alla fabbrica di realizzare produzioni record qualche anno fa, grazie anche all’assemblaggio di Peugeot 308 e Opel Grandland. Negli ultimi anni, un massiccio investimento di 200 milioni ha permesso di ammodernare le linee di produzione, per accogliere la piattaforma elettrica STLA Medium. Ma anche altre migliorie, per uno stabilimento più accogliente.

Ora è arrivato il momento dell’addio ai veicoli 100% termici: “È un punto di svolta, un nuovo capitolo – dicono dallo stabilimento transalpino – ma gli eccellenti risultati del sito, il livello degli investimenti e questa nuova generazione di veicoli ci permettono di rimanere leader nelle vendite e nella produzione in Francia”.

Ora solo modelli elettrificati

La produzione nello stabilimento Stellantis di Sochaux ora si concentrerà sulle nuove generazioni di Peugeot 3008 e 5008, entrambe solamente elettrificate. Disponibili esclusivamente con motori ibridi leggeri o in versione 100% elettrica. Una nuova era che, nelle idee del Gruppo, permetterà di far uscire dalle linee circa 400.000 veicoli l’anno. Per mantenere questa fabbrica transalpina come punto focale della produzione dell’azienda, come è stato storicamente da ormai moltissimi anni.

Rate this post
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Array
(
)