Tesla, l’Autopilot finisce al centro di un’inchiesta avviata negli USA dalla Nhtsa

Procedura formale per far luce su una serie di incidenti

Tesla, l’Autopilot finisce al centro di un’inchiesta avviata negli USA dalla Nhtsa

Da tempo Tesla, ed in particolare il suo sistema di guida autonoma noto come Autopilot, è sotto gli occhi delle autorità statunitensi. Ora arriva notizia dell’apertura di una procedura d’indagine formale da parte della Nhtsa (National Highway Traffic Safety Administration) col fine di verificare che l’Autopilot di Tesla sia in grado di garantire i livelli minimi di sicurezza. 

Incidenti stradali sui quali approfondire le indagini

A spingere l’autorità nordamericana all’avvio di un procedimento ufficiale nei confronti di Tesla e della sua tecnologia di assistenza alla guida sono stato una serie di incidenti stradali che hanno coinvolto anche veicoli di emergenza e mezzi di soccorso. L’agenzia federale che si occupa della sicurezza nei trasporti negli USA ha messo sotto la lente d’ingrandimento 11 incidenti, che hanno provocato 17 feriti e un morto, accaduti a partire da gennaio 2018. Si tratta di sinistri nei quali le vetture di Tesla hanno impattato uno o più veicoli coinvolti in precedenti incidenti e per i quali era già in corso un primo soccorso medico. In tutti e gli 11 incidenti sui quali la Nhtsa vuole fare chiarezza le auto di Tesla aveva azionato l’Autopilot o altri dispositivi per il controllo autonomo della velocità. 

Quasi 800.000 Tesla sotto inchiesta

A finire sotto inchiesta sono complessivamente circa 765.000 vetture di Tesla vendute negli ultimi anni sul mercato degli Stati Uniti. Già in precedenza i tecnici della Nhtsa avevano condotto delle verifiche preliminari sui sistemi di assistenza alla guida presenti sui modelli Tesla Model Y, X, S e 3 prodotti tra il 2014 e il 2021. Da quanto accertato dalle indagini sui sopracitati incidenti, questi sarebbero avvenuti quasi tutti in orario serale, questo nonostante i soccorritori avessero preso tutte le precauzioni di sicurezza del caso disponendo coni stradali, frecce illuminate e altri dispositivi di segnalazione. 

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati