Aston Martin Vanquish madrina di Gino Car Invest: così la supercar si fa investimento [VIDEO]

Nuovo progetto lanciato dal Gruppo Gino

Aston Martin Vanquish madrina di Gino Car Invest: così la supercar si fa investimento [VIDEO]

Il settore dell’auto sta attraversando un momento particolare e rivoluzionario, con la spinta all’elettrificazione che sta portando ad un cambio di paradigma del mercato. Uno scenario completamente differente rispetto a quello di qualche anno fa, dove anche le supercar e le vetture più sportive e performanti approcciano sempre più spesso l’alimentazione ibrida, o in alcuni casi quella completamente elettrica.

Gino Car Invest

In un quadro in così rapido cambiamento, dove la strada è tracciata dall’elettrificazione, questo è il momento ideale per investire sui motori endotermici, in particolar modo per quanto riguarda supercar, vetture super esclusive e da collezione. Proprio a queste finalità punta il nuovo progetto Gino Car Invest progettato dalla rete di concessionari del Gruppo Gino e che ci viene presentato nel video qui sopra da Alessandro Gino, general manager del Gruppo, e Alice Brivio. 

Sfruttare il massimo deprezzamento 

Gino Car Invest prevede la selezione di alcune vetture che rappresentano un investimento per il futuro, sfruttando la potenziale futura rivalutazione dell’auto in questione, sia che si tratti di modelli rari e da collezione che di vetture che hanno raggiunto il punto massimo della curva di deprezzamento, e dunque il momento ideale per un acquisto all’insegna della convenienza. 

Aston Martin Vanquish

La prima vettura, madrina del nuovo progetto Gino Car Invest, è un’elegantissima Aston Martin Vanquish del 2013 con appena 22.000 chilometri percorsi e unico proprietario. La Vanquish in questione è dotata del potente motore V12 aspirato, nascosto sotto una sinuosa carrozzeria forte di un design raffinato ed esclusivo che la rendono tra le Aston Martin più “collezionabili” degli ultimi anni. 

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati