DS: in buca con la Federazione Italiana Golf per un futuro green

La partnership per numerosi eventi, fino alla Ryder Cup 2023

DS: in buca con la Federazione Italiana Golf per un futuro green

DS ha annunciato la partnership con la Federazione Italiana Golf, nella corsa verso la Ryder Cup 2023 a Roma. Il marchio del gruppo Stellantis sarà presente in numerosi eventi italiani e sarà il title sponsor delle prossime edizioni degli Open d’Italia, oltre a realizzare una serie di attività. Sempre con un obiettivo green.

Le attività e gli eventi

Un accordo di tre anni, appunto fino allo storico appuntamento romano del 2023, in cui DS sarà “presente in tutte le attività dell’Italian Pro Tour – le parole di Francesco Calcara, Managing Director DS Automobiles Italia – e degli appuntamenti verso la Ryder Cup”. Una sponsorizzazione di “qualche milione di euro” con cui la casa automobilistica punta a farsi sempre più conoscere, in un ambiente storicamente legato al premium e all’alta gamma.

Oltre a questi eventi, DS sarà presente in tutti i circoli partner con la possibilità di effettuare test drive della vettura esposta all’ingresso del Club. Inoltre, traccerà le distanze sul percorso, segnalerà gli obiettivi principali e offrirà servizi come il social WiFi in Club House.

La strategia di DS

Il marchio DS è giovane ed è nato nel 2015, dopo essersi staccato da Citroen. Lo sviluppo e la crescita sono costanti ed il prossimo obiettivo sarà quello di arrivare a 50 store italiani, entro la fine di quest’anno. Il tutto con un’anima elettrificata: una vettura su quattro è venduta con tecnologia E-Tense, riducendo così le emissioni del 25%.

La gamma attuale è composta da DS 3 Crossback e DS 7 Crossback, con l’ammiraglia DS 9 in arrivo negli store italiani alla fine del mese di giugno e, nei mesi successivi, l’arrivo della nuova generazione della DS 4, ovviamente anche elettrificata E-Tense.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati