Pirelli Cinturato CN54: nuovo pneumatico per le iconiche Mini

L'originale gomma è stata lanciata nel 1972

Pirelli Cinturato CN54: nuovo pneumatico per le iconiche Mini

Pirelli ha annunciato nelle scorse ore un nuovo pneumatico per tutti coloro che collezionano le iconiche Mini. La nuova gomma appartiene alla gamma Pirelli Collezione, famiglia di pneumatici dedicata alle vetture più iconiche costruite tra il 1950 e il 1980 e che conservano l’originalità della gomma unendo un’immagine vintage a tecnologie moderne.

Per le diverse versioni della Mini realizzate e vendute su licenza da Innocenti e per le versioni più recenti della Mini Classica, Pirelli ha ricreato il Cinturato CN54 nella misura 145/70 R12 lanciato originariamente nel 1972. Si tratta di uno pneumatico radiale con il disegno del battistrada e il fianco mantenuti del tutto simili a quelli delle coperture dell’epoca, ma realizzati usando tecnologie moderne. Tra questi abbiamo le mescole che garantiscono un maggiore grip e una migliorata aderenza sui fondi bagnati senza perdere lo stile originale.

Per ricreare l’aspetto della gomma sono stati usati tutti i materiali della Fondazione Pirelli

Per sviluppare il nuovo pneumatico, gli ingegneri di Pirelli hanno adattato a materiali e processi moderni i criteri di progettazione che i designer del veicolo hanno impiegato all’epoca della progettazione. In questo modo sono state assecondate le regolazioni delle sospensioni e della meccanica originale della Mini, affidandosi al patrimonio storico aziendale di documenti, immagini e progetti conservati dalla Fondazione Pirelli.

Il Pirelli Cinturato dell’epoca ha introdotto la struttura radiale che da più di 70 anni gomma le auto più importanti. Con i Cinturato CA67, CN72 e CN36, l’azienda inventò il concetto di pneumatico sportivo per tenere salde alla strada vetture come le Ferrari 250 GT e 400 Superamerica o le Maserati 4000 e 5000.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati