Pneumatici senza aria: il primo test, obiettivo 2024 [VIDEO]

Michelin Uptis ha fatto la sua prima prova pubblica

Pneumatici senza aria: il primo test, obiettivo 2024 [VIDEO]

Un paio di anni fa è stato presentato Michelin Uptis, il primo pneumatico senza aria. Da allora non sono arrivate ulteriori notizie, ma l’azienda francese sta proseguendo il suo sviluppo, così come altri produttori stanno lavorando su questo prodotto. L’obiettivo è lanciarlo nel 2024, nel frattempo lo youtuber Mr.JWW l’ha provato in anteprima.

Le caratteristiche

Questo tipo di pneumatici dovrebbe portare una serie di vantaggi, sia legati all’efficienza che all’impatto ambientale. Infatti, secondo quanto spiegato dalla casa francese, gli Uptis sono molto più resistenti e non subiscono i danneggiamenti sulla strada. Addirittura sarà possibile passare su una serie di chiodi, senza problemi per lo pneumatico.

Inoltre, il prodotto è stampabile in 3D e ricostruito fino a sei volte, contro le 2 o 3 di media delle gomme attualmente in commercio. Questo permetterebbe, oltre ad aumentarne la sicurezza, di ridurre sensibilmente l’impatto ambientale. Un obiettivo fondamentale per questo periodo storico, per l’intero settore automotive.

La prova sulla Mini Elettrica

La prova è stata effettuata al volante di una Mini Cooper SE e potete vedere le impressioni dello youtuber nel video in alto, così come le parole di Cyrille Roget, direttore del gruppo tecnico e scientifico di Michelin. In cui, viene spiegata la tecnologia e come è sono stati realizzati questi nuovi pneumatici.

“È stata un’esperienza eccezionale per noi, e la nostra più grande soddisfazione è arrivata alla fine della dimostrazione quando i nostri passeggeri – ha commentato il dirigente dell’azienda transalpina – che all’inizio erano un po’ diffidenti, hanno dichiarato di non sentire alcuna differenza rispetto a pneumatici convenzionali”.

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati