Sergio Marchionne, Alfa Romeo 159 fu “un errore”

Sergio Marchionne, Alfa Romeo 159 fu “un errore”

Con la possibilità che il Gruppo Fiat perda un po’ di pezzi italiani, per guardare a nuovi gingilli statunitensi, questa notizia rischiava di finire inosservata, nel complesso degli sconvolgimenti che il manager con il maglione, managing director di Fiat Group e di Chrysler Group, Sergio Marchionne, sta apportando all’industria automobilistica italiana, non più reclusa ad un livello europeo ma sempre più desiderosa di levarsi a livello internazionale. Cioè?

Beh, l’Amministratore Delegato Marchionne avrebbe definito la berlina Alfa Romeo 159 e la versione station wagon Alfa Romeo 159 Sportwagon “un errore” nella storia del Biscione, arrivando a definire già ora i contorni dell’automobile di segmento D che la sostituirà, Alfa Romeo Giulia, indicata con la caratteristica di essere una “vera Alfa” (in base a cosa, poi, non lo so proprio).

Alfa Romeo 159 è stata introdotta nella gamma nel 2005, a sostituzione di Alfa Romeo 156, disegnata da Walter De Silva e Auto dell’Anno 1998 in Europa. La versione Sportwagon di 159 arrivò solo un anno dopo, nel 2006. Lo confermo: la linea, forse, non è risultata così apprezzabile. Ma parliamo di un periodo nero di Alfa Romeo, disdegnata dal Lingotto e solo semplice riproduzione di un Biscione perso nei meandri del tempo, a cui possiamo anche perdonare qualche titubanza. La nuova Alfa Romeo Giulia, che dovrebbe arrivare nel 2012, sarà una di quelle automobili che il Gruppo Fiat ha indicato per il ritorno agli Stati Uniti e ad un livello internazionale.

Nel frattempo, Marchionne ha confermato che Volkswagen si è interessata all’acquisto di Ferrari. Quanto davvero è vicino il passo di una parziale cessione del Cavallino Rampante? Cosa vi sentite di rispondere al Chief Executive Officier, come possessori di Alfa Romeo 159 o come semplici appassionati?

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    56 commenti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Eddy ha detto:

      Commenti che iniziano nel lontano 2010 e arrivano ad oggi… Intanto ne è passata di acqua sotto i ponti!!!… I commenti su S.M. sono soggettivi e cmq secondo me lasciano il tempo che trovano…ma per quanto riguarda la nuova Giulia, alfisti e non, è proprio una bella vettura, sia di tecnica che di contenuti. La linea è sicuramente poco Alfa, ma il DNA è da vera Alfa, quelle di Arese pre-fiat. Fidatevi di chi l’ha vista da vicino e potuta provare in pista. Test drive UK.

    • Roberto ha detto:

      Se sono vere queste dichiarazioni di Marchionne, non so quanto ci sia di strategico. Non mi risulta che prima dell’alfa Giulia, i modelli alfa romeo siano stati deludenti.Al debutto dell’alfa Romeo 156 e della 146, già si parlava di sorpasso delle auto tedesche. L’Alfa Romeo 147 è stata da subito un grande successo, linea accattivante e stile intramontabile con lo scudetto Alfa Romeo in bella vista. I materiali sono anche migliori rispetto all’ alfa Giulietta. Un design intramontabile ed attuale ancora oggi come lo sarà tra 100 anni. L’Alfa Romeo 159 secondo me in quanto a design è la migliore degli ultimi anni, così come il multijet di prima generazione che è indistruttibile anche con manutenzioni limitate. Una guida e una tenuta di strada che fa invidia a una BMW serie3 degli stessi ann. La159 ha un valore che è destinato a salire, per gli amanti delle auto d’epoca, un auto bellissima che è comparsa in tanti film. Con l’Alfa Romeo Giulietta è notevolmente migliorata la tecnica e la bellezza rispetto all’ alfa147 dello stesso segmento. C’è più elettronica, forse meno affidabilità, ma(so da fonti certe) sono peggiorati i materiali delle plastiche interne. Speriamo che la Giulia avrà materiali migliori. Per adesso secondo me, l’Alfa 159 con il multijet di prima generazione(visto il peso, ci vogliono almeno 150cv) è un investimento che consiglio ancora oggi, per affidabilità, guida e tenuta di strada, bellezza e valore nel tempo. Chissà che cosa ha in mente quell’uomo, ma qualsiasi cosa pensi, anche se non lavoro nel settore sono sicuro di avere ragione. La linea dell’alfa 159 ha più futuro anche di Marchionne.

    • Lele ha detto:

      Mah! Io ho la 159 e dopo 8 anni la guardo,la guido e ne sono ancora orgoglioso e soddisfatto. Questo signore si autocritica per la 159 e poi mi va a fare in turchia uno schifo come la tipo o aegea come la vuole chiamare! ma vai a lavorare sul serio!

    • moreno ha detto:

      Sono Croato,ma se la Ferrari va al acquisto della VW,alora e meghlio che italinai si vendono ai tedeschi,se avette venduto gia alla VW, la Ducati,Lambo…E una vergona per me,poi la Ferrari,ma scerzimao?!!Alfa 159 e una tra piu belle Alfe.Marchion sta scerzzando o e sula droga!

    • moreno ha detto:

      I italiani possono vendere anche la amina ai tedeschi.
      Ancora un po Italia diventa una colonia tedesha!

    • Paolo ha detto:

      159 e brera macchine troppo pesanti…

    Articoli correlati