Skoda Enyaq: la PROVA SU STRADA del SUV elettrico Simply Clever [VIDEO]

Fino a 537 chilometri di autonomia per la versione 80 iV

Presentata all’inizio di settembre 2020, ora per la nuova Skoda Enyaq iV è tempo di iniziare la commercializzazione. Le prevendite sono aperte in tutte le concessionarie e le aspettative in Casa Skoda sono alte per il suo primo SUV 100% elettrico basato sulla piattaforma modulare elettrica MEB del Gruppo Volkswagen. La Enyaq viene proposta in Italia inizialmente nelle varianti 50 iV (batteria da 55 kWh), 60 iV (batteria da 62 kWh) e 80 iV (82 kWh), a partire da 35.950 euro. Ora è giunto il momento della prova su strada in anteprima. Vediamo assieme com’è fatta e come va su strada.

Stile dinamico e la Crystal Face

Partendo dall’esterno, il SUV elettrico propone uno stile dinamico con linee scultoree e proporzioni equilibrate. La Enyaq è lunga 4.649 mm, larga 1.879 mm, alta 1.616 mm e con un passo di 2.765 mm. Questo vuol dire che è lunga 5 cm meno di una Kodiaq ma ha un passo più generoso di 7 cm rispetto alla Octavia tutti a favore di una maggiore abitabilità interna. A tal proposito il bagagliaio ha una capacità standard di ben 585 litri che diventano 1.710 a divano posteriore abbattuto.

Il frontale è l’aspetto più caratteristico di questo modello, con la calandra sporgente e verticale e la nuova Crystal Face (a richiesta), con 130 LED ad illuminare le alette verticali ed una striscia orizzontale per illuminare la calandra. Quest’ultima propone una funzione dinamica di benvenuto, che si attiva quando il veicolo viene aperto o chiuso in condizioni di visibilità ridotta. In più la presa d’aria anteriore viene motorizzare rendere ancora più aerodinamica e funzionale la Enyaq che ha un Cx di soli 0,257.

Non mancano i fari full LED Matrix, mentre proseguendo a scorrere la vettura troviamo i cerchi da 18 a 21 pollici per conferire un aspetto robusto, mentre nel posteriore sono presenti lo spoiler nero opaco sul tetto, il paraurti con diffusore grigio ed il portellone con la scritta Skoda a singole lettere posizionata al centro ed in rilievo. È disponibile, a richiesta, anche il tettuccio panoramico.

Tanta tecnologia all’interno

Entrando nell’abitacolo, troviamo degli interni ispirati ai moderni ambienti abitativi con l’impiego di materiali sostenibili e ben 40 litri di vani porta oggetti. A seconda della configurazione, sono diversi i rivestimenti dei sedili, della plancia, i tappetini, la consolle centrale e l’illuminazione ambientale. Già di serie il climatizzatore bizona, il volante multifunzione in pelle, il sistema di avviamento senza chiave e la radio DAB.

Non manca, ovviamente, il sistema di infotainment SmartLink, con un display centrale da 13” (il più grande mai installato su una Skoda), l’interfaccia con lo smartphone grazie ad Android Auto, Apple CarPlay e MirrorLink in modalità wireless e la connettività con la eSIM integrata. Inoltre, la Connect App permette di controllare da remoto la ricarica della batteria e la preclimatizzazione.

Parlando di tecnologia, non possono mancare i sistemi di assistenza alla guida: dall’allerta per una possibile collisione al Turn Assist per rilevare l’eventuale arrivo di veicoli durante la svolta a sinistra, passando per il Travel Assist, il Cruise Control adattivo e l’assistenza al parcheggio. Inoltre, la Skoda Enyaq iV è dotata di head up display con realtà aumentata un ulteriore debutto per Skoda.

Tre batterie, cinque potenze

Il SUV 100% elettrico è disponibile in varie configurazioni. La versione d’ingresso è la 50 iV con motore da 148 CV abbinato alla batteria da 55 kWh per un’autonomia dichiarata di 340 km. Salendo di livello troviamo la 60 iV con potenza di 179 CV e batteria da 62 kWh per 414 km di percorrenza, mentre la 80 iV sale a 204 CV, batteria da 82 kWh e 537 km di autonomia.

La batteria più potente è presente anche nelle due versioni a trazione integrale: la 80x iV e la RS iV, con un secondo motore elettrico sull’asse anteriore, per una potenza di 265 e 306 cavalli. La versione più sportiva RS accelera da 0 a 100 km/h in 6,2 secondi e può raggiungere i 180 chilometri orari, con un aumento di 20 km/h, rispetto a tutte le altre varianti di potenza.

Come dicevamo, però, per ora in Italia arriveranno solo le versioni 50, 60 e 80. L’ulteriore offerta di varianti per batteria e trazione si completerà nel corso del 2021.

La prova su strada

La prova mi vede al volante della top di gamma Skoda Enyaq 80 che sfonda quota 50.000 euro di prezzo di listino. Quello che mi impressiona subito non è però il prezzo ma la qualità dei materiali utilizzati per tutto l’abitacolo seguito da una cura maniacale per l’assemblaggio.
Skoda crea la sua auto elettrica che si fa subito apprezzare sia come “auto di sostanza” grazie al suo innato Simply Clever anche qui riproposto sia grazie a linee del tutto personali e meno futuristiche rispetto alle cugine ID.3 e ID.4 di Volkswagen, Audi Q4 e-tron e Cupra El Born con cui condivide la piattaforma.

Una piattaforma nativa per auto elettriche del Gruppo VW che vede il ritorno in auge della trazione posteriore (successivamente usciranno le versioni a trazione integrale 80x e RS). Infatti al volante della Skoda Enyaq noto subito una grande maneggevolezza con un diametro di svolta di soli 9,3 metri ovvero 2,4 metri meno di una Kodiaq. Lo sterzo è preciso e ben direzionabile ma non così diretto da mettere in difficoltà. Il baricentro dell’auto è basso nonostante la conformazione da SUV grazie alle batterie situate sotto al pavimento che nella versione più performante 80 pesano circa 500 kg contro i 380 kg della batteria da 62 kWh riservata alla versione 60. Un peso totale che nella versione top di gamma supera le 2 tonnellate ma che viene ottimamente “camuffato” e gestito dall’elettronica visto che questa Enyaq elettrica a trazione posteriore sa anche essere divertente oltreché confortevole.

Infatti basta selezionare la modalità di guida “Sport” dal selettore posto nel tunnel centrale e avere tutti i 204 CV e 310 Nm di coppia subito disponibili. Lo scatto da fermo è impressionante soprattutto nei primi metri e lo 0-100 km/h viene raggiunto in 8,6 secondi. Altro discorso per la velocità massima che viene limitata a 160 km/h per tutte le versioni tranne la futura Enyaq RS che sarà autolimitata a 180 km/h. Questo per preservare l’autonomia della batteria. Una filosofia opposta rispetto agli americani di Tesla.

Infatti se vogliamo massimizzare la durata della batteria e percorrere più chilometri possibili bisogna scegliere la modalità “Eco”. Qui l’assetto sarà più morbido come l’erogazione senza però risultare “impacciata” sia nelle ripartenze sia nei cambi di direzione. Al volante rilascia un feedback meno coinvolgente alla guida ma lontano dai fastidiosi eccessi di beccheggio e rollio dei competitor con motore termico. La risposta è sempre neutra e piacevole ma i 500 km di autonomia da scheda tecnica possono essere veritieri solo se si evitano lunghi tratti autostradali. Infatti in questo caso a velocità costante, senza importanti frenate o decelerazioni, la batteria viene sottoposta a un continuo richiamo di energia. Discorso opposto quando incontriamo più o meno lunghe discese dove sono riuscito a recuperare più di 50 km di autonomia.

Come? Grazie alla frenata rigenerativa. Si può scegliere se far gestire “tutto a lei” premendo il pulsante “B” che intensifica enormemente la sensazione di “freno motore” restituendoci una guida mono pedale oppure giocare con le palette dietro al volante per gestire le 3 differenti intensità. Entrambi i metodi sono molto validi per “ricaricare” la batteria sia in frenata o decelerazione sia durante le discese.

La questione ricarica vede la Skoda Enyaq passare da 0 all’80% in 36 minuti con corrente fino a 125 kW. Solo successivamente verrà aggiornata per accettare fino a 250 kW. Da presa domestica di 2,3 kW i tempi si allungano a 12 ore mentre da Wallbox con potenza 7,4 o 11 kW i tempi si accorciano rispettivamente a 12 e 8 ore.

Prezzi e promozioni

In questa fase iniziale, Skoda Enyaq iV è disponibile nelle varianti 50 iV ad un prezzo di 35.950 euro, la 60 iV a attacca a  di 39.950 euro mentre la 80 iV a 46.350 euro. Essendo un modello 100% elettrico, accede agli incentivi statali nella fascia più bassa, con uno sconto sul prezzo di listino fino a 10.000 euro. In assenza di rottamazione, invece, l’incentivo scende a 6.000 euro. A questi, possono sommarsi gli eventuali incentivi a livello regionale.

Come dicevamo, ora è iniziata la prevendita, mentre l’arrivo nelle concessionarie è previsto prima dell’estate.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati