Toyota Auris Touring Sports: a luglio nelle concessionarie inglesi

Debutta l'Hybrid Synergy Drive

Toyota Auris Touring Sports - La nuova station wagon di Toyota, l'Auris Touring Sports, debutta nelle concessionarie inglesi il prossimo mese di luglio. Si tratta della prima vettura di segmento C disponibile con un sistema di trasmissione full hybrid
Toyota Auris Touring Sports: a luglio nelle concessionarie inglesi

La produzione della Toyota Auris Touring Sports procede a gonfie vele nello stabilimento inglese di Burnaston. La vettura infatti arriverà nelle concessionarie in Gran Bretagna entro la fine del mese di luglio per poi debuttare dopo l’estate in quelle italiane. Si tratta della prima station wagon disponibile con l’innovativo sistema di propulsione Hybrid Synergy Drive.

In particolare, la vettura fa parte della nuova strategia di Toyota riguardo la vendita di auto ibride: basti pensare che il 20% delle vendite totali del costruttore giapponese in europa sono rappresentate da auto a trazione ibrida.

Per quanto riguarda le caratteristiche della Auris, la station wagon ha una lunghezza 285 mm in più rispetto alla versione berlina, tutto a beneficio del vano portabagagli la cui capacità è di 530 litri.

Sotto il cofano motore sono disponibili l’1.3 a benzina Dual VVT-i da 99 cavalli, l’1.6 Valvematic da 132 cavalli, l’1.4 diesel da 90 cavalli ed il 2.0 da 124 cavalli. La proposta ibrida invece prevede il motore termico a benzina da 1.8 litri ed uno elettrico per una potenza complessiva di 136 cavalli. I quest’ultimo caso la vettura è in grado di raggiungere una velocità massima di 180 km/h e di passare dai 0 ai 100 km/h in meno di 11 secondi mentre le emissioni di CO2 si abbassano fino a 84 g/km.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

TOP 5 city car ibride 2021 [VIDEO]

CITY CAR IBRIDE 2021: la TOP 5 con dimensioni, motori, consumi, prezzi
Le city car sono molte apprezzate in Italia per praticità e bassi costi di gestione. Con l’introduzione dell’elettrificazione e dei