Volkswagen ID.4 GTX: la PROVA SU STRADA del SUV elettrico da 299 CV [VIDEO]

La filosofia Volkswagen della famiglia sportiva GTI in chiave elettrica. Prestazioni? 0-100 km/h in 6,2 s e velocità massima di 180 km/h

La famiglia sportiva di Volkswagen si chiama GTI ed ora prende piede nel mondo dell’elettrico sfruttando la carrozzeria più in voga del momento: ovvero quella da SUV. Così la ID.4 diventa ID.4 GTX e come avrete già potuto capire l’ultima lettera, la X, porta in dote la trazione integrale ottenuta grazie ad un motore per asse, uno all’anteriore ed uno al posteriore, per una potenza totale di 299 CV (95 in più rispetto alla ID.4 più potente a listino). Carne al fuoco, tanta, come le aspettative di provare questa piccola bomba a batterie. La domanda è lecita: potrà divertire come le Golf GTI a benzina, le GTD diesel e le GTE ibride con l’aggravante della guida a “ruote alte”? Scopriamolo assieme in questo primo contatto e video prova.

Design ancora più sportivo

Prima di tutto diamo un occhio all’estetica perché la ID.4 GTX ha degli elementi specifici che la caratterizzano rispetto ad una ID.4 standard. Per esempio abbiamo dettagli a contrasto neri come lo spoiler posteriore, il tetto, le prese d’aria anteriori, i fari a LED a fare da fendinebbia con luci sovrapposte, paraurti posteriore ridisegnato per essere ancora più aggressivo che integra un diffusore di colore grigio e le luci a LED – sia all’anteriore sia al posteriore – unite da una sottile firma luminosa orizzontale verso il logo Volkswagen.

Interni minimal e spaziosi

Al suo interno troviamo dei sedili sportivi dedicati con logo GTX con fianchetti pronunciati per contenere meglio in curva e cuciture a contrasto rosse. La plancia verticale ha un disegno pulito con pochissimi tasti a vista ottenendo un look sportivo ed elegante grazie ad inserti in nero lucido e rivestimenti in ecopelle. Il tocco sportivo è dato sì dalle cuciture rosse a contrasto, colore scelto anche per le cinture di sicurezza, ma anche dalla pedaliera in acciaio inox. Il logo GTX si ripete anche sul volante e sul battitacco delle porte. Il senso di ampio spazio riportato sulle versione “standard” di ID.4 rimane anche in questa variante sportiva visto che il motore elettrico anteriore aggiunto non fa variare l’abitacolo. Anche il bagagliaio ha una ottima capacità che va da 543 a 1.575 litri a divano posteriore abbattuto.

Al volante di ID.4 GTX

Trattandosi della versione sportiva più potente di ID.4 partiamo dai numeri che mettono sul piedistallo la nuova versione GTX. La coppia aggiunta dal motore anteriore è di 162 Nm che va a sommarsi con i 310 Nm prodotti dal motore posteriore per un totale di 299 CV e 460 Nm disponibili. Lo scatto da fermo, tipicamente on-off da auto elettrica, è importante nei primissimi metri chiudendo lo 0 a 100 km/h in 6,2 secondi. La velocità massima sale di 20 km/h rispetto alle ID.4 ed è limitata a 180 orari. Una scelta del Costruttore tedesco per preservare le performance del pacco batteria che è quello più grande disponibile nella famiglia ID.4 ovvero da 82 kWh. Tenete conto che stiamo parlando sempre di un’auto di circa 2.200 kg di peso.

Adesso proviamo a rispondere alla domanda iniziale. Può la ID.4 GTX essere divertente da guidare? Innanzitutto ha una altezza da terra più bassa di 1,5 cm rispetto alle altre ID.4. Le sospensioni sono più rigide e la taratura dell’assetto è stata rivista. I tecnici tedeschi hanno messo le mani anche sullo sterzo, c’è una nuova servoassistenza più progressiva rispetto alla velocità del l’auto e all’angolo volante richiesto dal pilota.

Così il feedback che rilascia la nuova ID.4 GTX è molto positivo perché è più diretta e fedele a quello che il conducente vuole farle fare. La sua direzionalità è divertente perché ha un anteriore lineare e preciso nell’ingresso di curva. Poi l’assetto un po’ più sportivo mi permette di avere un ottimo controllo in tutta la percorrenza di curva. C’è pochissimo rollio, nonostante il peso e conformazione dell’auto, anche nei cambi di direzione. Poi gli ammortizzatori a controllo elettronico smorzano le imperfezioni del manto stradale e non risultano essere scomodi quando non si va di fretta. Proprio un bel lavoro fatto sull’assetto della ID.4 GTX che non stanca mai, fa tutto quello che le chiediamo e lo fa bene in ogni condizione. Buona anche la frenata, più fedele rispetto a quanto provato su ID.3. Qui abbiamo più mordente fin da subito e si riesce a modulare per avere un arresto più dolce.

Le modalità di guida sono cinque: Eco, Comfort, Sport, Traction e Individual. Non c’è nessuna paletta al volante per calibrare la rigenerazione dell’energia in decelerazione o frenata ma solo la posizione B direttamente sul selettore di marcia. Azionandola abbiamo molto più recupero di energia in discesa, decelerazione e frenata, con una percezione più forte di freno motore e possiamo sperimentare la guida a singolo pedale visto che rilasciando il piede destro l’auto rallenta molto autonomamente.


Il pacco batteria da 82 kWh pesa circa 500 kg e garantisce una autonomia fino a 480 km omologato nel ciclo misto WLTP. A livello di ricarica in corrente alternata l’assorbimento arriva a 11 kW mentre in corrente continua a 125 kW. Usando la ricarica veloce, quindi, riusciamo ad avere 130 km di autonomia in soli 10 minuti.

Quanto costa

Il prezzo di listino della nuova Volkswagen ID.4 GTX parte da 56.850 euro senza calcolare gli incentivi statali. La dotazione di serie è più che completa con fari a LED, cerchi da 20 pollici, clima bi zona e sistema di Navigazione Discover Pro sullo schermo touchscreen da 10 pollici. Completa anche la dotazione di sicurezza di serie con tutti i sistemi ADAS di livello 2 quali il cruise control adattivo, l’avviso anticollisione e frenata automatica d’emergenza con riconoscimento pedoni e ciclisti, il mantenitore di corsia, il riconoscimento dei segnali stradali e sensori di parcheggio anteriori e posteriori.

Scheda tecnica

  • Dimensioni: 4.58 X 1.852 X 1.637 metri
  • Bagagliaio: da 543 a 1575 litri
  • Motore: 299 CV e 460 Nm di coppia
  • Accelerazione: 0-100 km/h in 6,2 secondi
  • Velocità massima: 180 km/h
  • Batteria: 82 kWh nominali (77 kWh netti)
  • Autonomia: 480 km ciclo WLTP
  • Trazione: integrale 4×4
  • Peso: 2.200 kg
  • Prezzo: da 56.850 euro
Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati