Benzina, una stazione di servizio tedesca avrebbe fatto pagare 9,99 € al litro

Benzina, una stazione di servizio tedesca avrebbe fatto pagare 9,99 € al litro

Quante volte ci siamo lamentati del costo eccessivo del carburate? Conviene non farlo più, perché per quanto possa essere brutta la nostra situazione, potrebbe sempre andare peggio. Ci giunge infatti notizia che nella giornata di ieri una stazione di servizio di Filderstadt, città tedesca vicina a Stoccarda, una stazione di servizio della Esso avrebbe posto un prezzo al litro di ben 9,99 €.

La notizia è stata pubblicata dal sito tedesco The Local e poi ripresa da vari blog in giro per il mondo. Cos’è però successo ai prezzi di questa particolare località? Forse il proprietario è uscito di testa? Niente di tutto ciò e le motivazioni che hanno portato ad una simile decisione, seppur opinabili, suonano quasi come giustificate. Andiamo con ordine: ieri, lunedì dell’Angelo, per i benzinai tedeschi la situazione non era rosea, in quanto si stava soffrendo una momentanea carenza di rifornimenti in tutta la nazione. Per evitare che troppi guidatori finissero per esaurire le già esigue scorte della pompa di Filderstadt, il proprietario ha imposto un esorbitante prezzo di 9,99 € al litro. Nonostante un cartello pare piuttosto evidente, alcuni guidatori sono clamorosamente caduti in errore: una BMW ha avuto la buona idea di fare 21 litri di rifornimento, ritrovandosi un conto di 209,98 €, mentre ad un altro guidatore per 20 litri di carburante è stata fatta richiesta di sborsare altri 200 €. Ovviamente i malcapitati clienti si sono rifiutati di pagare e, furibondi, hanno chiamato la polizia. Pare, però, che la faccenda andrà discussa con la Esso, la società che riforniva la stazione di servizio, mentre il proprietario non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

L’Auto Club Europa indagherà sulla questione e valuterà se la mossa della stazione di Filderstadt sia stata o meno legittima. È un dato di fatto, però, che una stazione su cinque a Stoccarda nelle vacanze pasuqali era rimasta senza scorte di benzina (super, per la precisione). La causa principale, secondo le compagnie, sarebbe il blocco dei mezzi pesanti durante i periodi festivi e i problemi logistici legati all’introduzione del nuovo carburante etanolo E10.

Voi cosa ne pensate? Preferireste rinunciare alle vacanze o pagare 200 € per arrivare a destinazione?

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gianni ha detto:

    200€ per fare rifornimento a una Punto????resto a casa!!!!

    Ciao!!
    Gianni

  • AndreaP ha detto:

    “Voi cosa ne pensate? Preferireste rinunciare alle vacanze o pagare 200 € per arrivare a destinazione?”

    No. A quel punto meglio treno/bus o in alternativa l’aereo.

Articoli correlati