Bugatti celebra i 100 anni dalla vittoria al Gran Premio delle Venturette

L'evento celebrativo è stato organizzato in collaborazione con il Bugatti Club Italia

Bugatti celebra i 100 anni dalla vittoria al Gran Premio delle Venturette

Bugatti ha celebrato questa settimana il 100º anniversario di una delle sue più grandi vittorie con uno speciale evento durato due giorni in Italia. Ha coinvolto diverse Bugatti Tipo 13 provenienti da tutto il mondo.

L’evento si è svolto presso il Lago di Garda e con partenza e rientro a Brescia con l’aiuto del Bugatti Club Italia. Insieme, le varie Tipo 13 hanno visitato alcuni dei luoghi della storica corsa che ha ispirato l’evento.

Bugatti Tipo 13 Gran Premio delle Venturette 1921

Quattro Tipo 13 conquistarono le prime quattro posizioni

Al Gran Premio delle Venturette del 1921 parteciparono diversi esemplari della Tipo 13, percorrendo circa 60 giri su un circuito lungo 17,3 km tra le città di Montichiari e Brescia. Dopo oltre 1000 km, le varie Bugatti in gara si sono classificate al primo, secondo, terzo e quarto posto.

Sotto il cofano c’era un motore a quattro cilindri e quattro valvole con cilindrata aumentata a 1.45 litri, oltre a un rapporto di compressione e a un serbatoio del carburante maggiorati. Il propulsore riusciva a sviluppare inizialmente 40 CV di potenza a 4500 g/min, diventati successivamente 50 CV. Grazie alle ruote a raggi leggere, la Tipo 13 pesava solo 490 kg e ciò gli consentiva di raggiungere una velocità massima di 150 km/h.

La vittoria conquistata al Gran Premio delle Venturette fu talmente importante per la casa automobilistica francese che ogni successivo veicolo a quattro valvole portava il nome Brescia per onorare proprio  la Bugatti Tipo 13. A questa sono seguiti i vari successi conquistati dalle Tipo 15, Tipo 17, Tipo 23 e Tipo 35, quest’ultima considerata da molti l’auto da corsa di maggior successo di sempre.

Bugatti Tipo 13 Gran Premio delle Venturette 1921

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto Storiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati