FCA, Sergio Marchionne conferma gli impegni del Gruppo italo-americano

Standard & Poor's ha alzato l'outlook a "positivo" da "stabile"

Mentre FCA chiude il secondo trimestre 2015 con un utile netto pari a 333 milioni di euro, con un aumento del 69% rispetto ai 197 milioni di euro del secondo trimestre 2014, l'ad Sergio Marchionne parla a tutto tondo del mondo FCA, in particolare è tornato sulla vicenda dei richiami negli States
FCA, Sergio Marchionne conferma gli impegni del Gruppo italo-americano

FCA – L’amministratore delegato di FCA, Sergio Marchionne, risponde agli analisti finanziari sui richiami di auto negli Stati Uniti. “Su questo faremo meglio, dobbiamo adeguarci al 100%. Non ci sono scuse.“, ha detto Marchionne nel corso della call conference successiva al board che a Londra ha approvato i conti della seconda trimestrale. Nei giorni scorsi, Fca ha raggiunto un accordo con le autorità americane su 23 richiami che, dal 2009 ad oggi, hanno riguardato circa 11 milioni di auto. L’intesa prevede che Fca paghi alla Nhtsa, l’ente americano che si occupa della sicurezza nel mondo delle auto, 70 milioni di dollari e si impegni a investire 20 milioni di dollari in azioni migliorative a beneficio del settore dei consumatori. Previsto un ulteriore pagamento di 15 milioni di dollari nel caso in cui Fca non osservasse talune disposizioni contenute nello stesso accordo.

Intanto, Standard & Poor’s ha alzato a “positivo” da “stabile” l’outlook su Fiat Chrysler Automobiles e sulla controllata americana Fca Us, su cui ha confermato il rating di lungo termine pari a BB, ovvero che il giudizio potrebbe raggiungere tale livello entro i prossimi 12 mesi. La decisione della famosa agenzia di rating arriva soprattutto alla luce di un utile netto nel secondo trimestre in aumento del 69%, insieme ad un innalzamento dei ricavi del 25% e dei target 2015 rivisti al rialzo. E il titolo è volato anche in borsa con un bel +5,7%. “Non ho nessuna cattiva notizia da annunciare”, ha aggiunto agli analisti finanziari l’ad Sergio Marchionne, che parla di “risultati soddisfacenti“.

Marchionne ha confermato anche il piano di rilancio dell’Alfa Romeo e ha detto che la quotazione in borsa della Ferrari avverrà nel quarto trimestre 2015. Inoltre, l’ad ha smentito le indiscrezioni dei giorni scorsi sulla cessione della Magneti Marelli. “Non esiste alcun piano immediato per venderla. Sta facendo un lavoro fenomenale e quindi lavoriamo per svilupparla.” ha concluso Marchionne.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Mercato

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • speed ha detto:

      Bravo Marchionne !
      Tutto questo in faccia a quelli che
      non perdono un giorno per criticarlo,
      non avendo nella loro vita mai combinato
      un cacchio!( Es.:Landini e compagna Camusso,
      due strilloni da mercato delle pulci)

    Articoli correlati

    Mercato

    FCA, Marchionne non molla General Motors

    La possibile fusione farebbe nascere un gruppo da 30 miliardi di dollari l'anno
    FCA – Sergio Marchionne non molla General Motors. Nonostante il marchio statunitense abbia palesemente chiuso la porta ad FCA, l’amministratore