Il Gruppo Volkswagen apre nuovi laboratori per le batterie

Entro il 2030 è prevista una capacità produttiva complessiva pari a 240 GWh

Il Gruppo Volkswagen apre nuovi laboratori per le batterie

Il Gruppo Volkswagen ha inaugurato nelle scorse ore uno dei più moderni laboratori per la ricerca e lo sviluppo di celle batteria in Europa e più precisamente a Salzgitter (in Germania). In questo modo, il gruppo automobilistico tedesco espande ulteriormente le sue competenze nella tecnologia delle batterie e compie un ulteriore passo verso lo sviluppo e la produzione diretta di celle per i veicoli elettrici.

A partire dal 2025, proprio a Salzgitter è prevista la produzione della cella unificata del Gruppo Volkswagen. Inoltre, in futuro circa 250 esperti condurranno ricerche sulle celle nelle aree dello sviluppo, dell’analisi e dei test, lavorando in quattro laboratori. Sono previsti investimenti pari a circa 70 milioni di euro in queste strutture.

Entro il 2030 sono previsti sei impianti di produzione di batterie in Europa

Thomas Schmall, membro del Consiglio di Amministrazione per la Tecnologia del Gruppo Volkswagen e presidente del Consiglio di Amministrazione di Volkswagen Group Components, ha detto: “Con i nuovi laboratori espanderemo ulteriormente le nostre competenze nell’ambito dello sviluppo, dei processi e della produzione di celle batteria – il cuore dei veicoli elettrici. Il sito del Gruppo Volkswagen a Salzgitter dimostra come la trasformazione dell’industria automobilistica tedesca, dai propulsori tradizionali alla mobilità elettrica, possa avere successo. Stiamo coinvolgendo ricercatori all’avanguardia e, come pionieri del settore, creiamo le professioni di domani”.

Entro il 2030, il Gruppo Volkswagen pianifica di gestire, assieme ai suoi partner, sei impianti dedicati alla produzione di cellule in Europa, con una capacità produttiva complessiva pari a 240 GWh. In prospettiva, a Salzgitter si produrranno celle con una capacità annuale di 40 GWh. La nuova cella unificata, poi, dovrebbe incrementare le sinergie e ridurre i costi delle batterie fino al 50%.

Il Centro di Eccellenza verrà ulteriormente ampliato nei prossimi anni

Dei 500 collaboratori circa del Centro di Eccellenza (CoE) per le celle di Salzgitter, circa 160 sono attualmente coinvolti nello sviluppo delle celle. Entro la fine del 2022, il CoE è destinato a crescere, fino a contare oltre 1000 dipendenti. I nuovi laboratori permetteranno di realizzare ampi programmi di test sulle celle, con fino a 200 diversi metodi di analisi.

Qui si utilizzano tecnologie all’avanguardia per testare le celle. Ad esempio, a Salzgitter c’è uno dei pochi microscopi elettronici a scansione al mondo per rilevare il litio. Le celle vengono sottoposte a prove di resistenza in sei camere speciali e a stress elettrici, termici o meccanici e inoltre vengono ricercate nuove metodologie di sperimentazione.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Volvo non userà più pelle a partire dalla C40 Recharge

Entro il 2025 vuole che il 25% dei materiali utilizzati per costruire le sue nuove auto siano riciclati e a base biologica
Volvo ha annunciato nelle scorse ore che, a partire dalla C40 Recharge, tutti i suoi modelli 100% elettrici saranno completamente
Auto

VinFast: nuovo brand in arrivo in Italia nel 2023

I primi due modelli saranno dei SUV elettrici con autonomia fino a 550 km con una sola ricarica
VinFast, una casa automobilistica con sede nel Vietnam, ha annunciato nelle scorse ore che sbarcherà in Europa nel 2022 mentre