Honda Sensing 360: svelato il nuovo sistema omnidirezionale

Il brand ha sfruttato le conoscenze e il know-how che ha nelle attività di ricerca e sviluppo della guida autonoma di Livello 3

Honda ha presentato nelle scorse ore un nuovo sistema omnidirezionale con il nome di Honda Sensing 360 per la guida assistita e la sicurezza che elimina gli angoli ciechi intorno al veicolo e contribuisce a evitare le collisioni, riducendo la fatica della guida per il conducente.

Si tratta di un’ulteriore evoluzione del sistema precedente in quanto vanta un campo di rilevamento frontale, posteriore e in senso omnidirezionale intorno all’auto. La casa automobilistica giapponese afferma che l’introduzione ufficiale di Sensing 360 è prevista a partire dal 2022 nel mercato cinese. Dal 2030 in poi, invece, Honda lo estenderà in altri mercati principali.

Honda Sensing 360

In questo momento, il brand asiatico è impegnato attivamente per raggiungere l’obiettivo di una società senza collisioni, a beneficio di tutti gli utenti della strada. Questo impegno viene rappresentato dallo slogan mondiale Sicurezza per tutti. Inoltre, Honda porta avanti la ricerca e lo sviluppo in materia di tecnologie per la sicurezza a livello hardware e software.

Con Honda Sensing 360, nasce il rilevamento a 360° con l’aggiunta di cinque unità radar a onde millimetriche all’anteriore e a ogni angolo dell’auto, oltre alla telecamera monoculare disponibile sull’attuale versione di Honda Sensing.

Adesso, il campo di rilevamento copre gli angoli ciechi intorno alla vettura e contribuisce a evitare le collisioni con altri veicoli e i pedoni, oltre a ridurre la fatica della guida per il conducente. Per sviluppare la nuova generazione del sistema, il produttore giapponese ha sfruttato le conoscenze e il know-how messi appunto nelle attività di ricerca e sviluppo delle tecnologie per la guida autonoma di Livello 3.

Honda Sensing 360

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati