Incendi, lo stabilimento FCA di Termoli è stato parzialmente evacuato [VIDEO]

Chiusa l'autostrada A14

Incendio FCA Termoli - Lo stabilimento FCA di Termoli è stato parzialmente evacuato a causa di un vasto incendio che si è sviluppato rapidamente tra le sterpaglie della zona industriale. Chiusa per una ventina di chilometri anche l'autostrada A14 mentre sono in azione i canadair per cercare di domare le fiamme.
Incendi, lo stabilimento FCA di Termoli è stato parzialmente evacuato [VIDEO]

Tra le sterpaglie della zona industriale di Termoli si è sviluppato un vasto incendio che ha costretto all’evacuazione parziale dello stabilimento FCA. Come riporta l’Ansa, le fiamme hanno fatto avvolto una tensostruttura in plastica con all’interno materiale non produttivo, con l’incendio che si è propagato rapidamente avvicinandosi a ridotto di diverse aziende del polo “Valle Biferno”. Chiusa anche la statale 87 all’altezza dello svincolo dell’A14.

Inoltre è stata chiusa l’autostrada A14 per circa 20 chilometri in entrambe le direzioni tra Vasto Sud (Chieti) e Poggio Imperiale (Foggia) a causa delle fiamme che lambiscono l’autostrada con il fumo che ha invaso le carreggiate. Non si registrano feriti e, fa sapere Autostrade per l’Italia, che sul posto stanno operando Polizia Stradale e Vigili del Fuoco.

Inoltre Autostrade per l’Italia informa che “per effetto del fumo in carreggiata che limita la visibilità al km 478, per questioni di sicurezza è stato necessario bloccare il traffico e si registrano 2 Km di coda circa in entrambe le direzioni. Agli utenti provenienti da Bari e diretti verso Pescara si consiglia, dopo l’uscita obbligatoria a Poggio Imperiale, di percorrere la strada Statale 16 Adriatica verso Vasto dove rientrare in autostrada a Vasto Sud verso Pescara. In direzione opposta si consigliano i percorsi inversi”.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati