Jeep Renegade 4xe Plug-in Hybrid Trailhawk: Com’è & Come Va

In prova la versione ibrida plug-in da 240 cv

In un segmento affollato da modelli spesso molto simili e omologati Renegade continua a urlare la sua unicità con un aspetto muscoloso e un’aria da duro, in piena tradizione Jeep. Oggi proveremo l’ultima nata, cioè Renegade con motorizzazione ibrida plug-in da 240 cv in allestimento Trailhawk.

Com’è Fuori?

Renegade anche in questa versione ibrida mantiene una linea squadrata e aggressiva, a sottolineare la sua discendenza dai modelli Jeep che hanno fatto la storia del marchio americano, il tutto però con dimensioni decisamente europee. La lunghezza è infatti di 4,24 metri per una altezza di 1,72 metri ed una larghezza di 1,8 metri. Iniziando dall’anteriore troviamo la mitica griglia con sette feritoie, elemento onnipresente su Jeep e ormai vero e proprio marchio di fabbrica. Sempre all’anteriore troviamo i fari a led con luci diurne di forma circolare molto belle da vedere. Troviamo poi il cofano bombato e in questa versione Trailhawk la parte centrale è rivestita in nero opaco, come le mitiche muscle car americane degli anni ’70. Proseguendo abbiamo il parabrezza, che è piuttosto verticale anche qui a richiamare i modelli Jeep del passato. La linea delle fiancate disegna i cristalli laterali molto nettamente per salire poi verso l’alto nella parte posteriore. Molto interessante la configurazione del tetto MySky opzionale presente sull’auto in prova, perché permette di aprire elettricamente la parte anteriore oppure di rimuovere manualmente i pannelli del tetto (sia anteriore che posteriore) e di riporli nella sacca presente nel bagagliaio. Nella zona posteriore troviamo i fari full led con la “X” che ricorda addirittura quella presente sulle taniche di benzina utilizzate dagli americani durante la seconda guerra mondiale. Belli poi i dettagli grafici come la Jeep Willys sul parabrezza anteriore e lo scalatore che si arrampica sulla grafica del lunotto posteriore.

Com’è dentro?

Anche l’interno è ricco di dettagli che rimandano sempre al mondo Jeep come per esempio lo stilema della griglia a sette feritoie presente sulle casse audio. L’allestimento Trailhawk prevede poi di serie alcuni accessori pensati per il fuoristrada come per esempio i tappetini in gomma logati adatti agli usi più estremi. La versione in prova ha poi la selleria ed il volante in pelle con cuciture rosse, entrambi riscaldati, e con le poltrone anteriori regolabili elettricamente e ricamate nella parte alta con il logo Trailhawk. La plancia ha un design molto “concreto”, risultando curata senza eccedere però in uno stile elegante o sofisticato che poco si adatterebbe a Renegade. I materiali utilizzati sono morbidi al tatto nella parte superiore e le bocchette laterali hanno poi una cornice rossa nell’allestimento in prova. La disposizione dei comandi è poi piuttosto razionale con al centro il display da 8,4″ cuore del sistema Uconnect, subito sotto troviamo i comandi fisici per la gestione dell’impianto audio Kenwood opzionale, per gli ausilii alla guida e ancora più in basso quelli relativi alla climatizzazione, tutti comunque presenti anche in forma digitale nello schermo centrale. Scendendo ancora troviamo i tasti relativi alle modalità di guida e alla gestione della trazione integrale, che qui è realizzata con il motore elettrico posteriore invece della classica configurazione con albero di trasmissione. A fianco di questi comandi troviamo i tre tasti per gestire invece il funzionamento del sistema ibrido, quindi “Hybrid” che è l’impostazione standard quando si avvia l’auto, “Electric” per la marcia 100% elettrica e infine “E-save” per conservare maggiormente la durata della batteria ed utilizzare più frequentemente il motore termico. Dietro la leva del cambio troviamo poi il tasto per gestire l’intensità della rigenerazione durante le frenate. La plancia è formata da due indicatori analogici con contagiri e indicatore della potenza erogata dalla batteria, con al centro uno schermo da 7″ che riporta tutte le informazioni di navigazione, trip computer, autonomia e infotainment.

Com’è l’infotainment

Il sistema infotainment Uconnect di quarta generazione con schermo touch da 8,4″  governa navigazione, telefono, radio DAB, multimedia e offre anche una pagina dedicata per la gestione del sistema Ibrido. Infatti è possibile vedere la cronologia dei consumi e del funzionamento dei propulsori e programmare orari e giorni per la ricarica, funzione molto utile per fare il pieno di elettroni soprattutto utilizzando la presa domestica. Bello anche il sistema di navigazione che si basa su TomTom, veloce e semplice da usare anche con i comandi vocali. Lo schermo centrale ripropone poi la telecamera posteriore, dove una risoluzione più elevata garantirebbe migliore visibilità. Sono presenti poi Apple CarPlay ed Android Auto, dove è possibile collegare il proprio smartphone tramite la classica presa USB presente nella parte bassa della plancia.

Com’è il bagagliaio

Il valore dichiarato per Renegade 4XE è di 330 litri con gli schienali posteriori in posizione e di 1277 litri con il divano posteriore reclinato. A questi valori va tolto però l’ingombro della sacca per riporre i pannelli del tetto e di quella che contiene il cavo per la ricarica alle colonnine e il cavo per la ricarica domestica. La conformazione del vano è molto regolare e sfruttabile, solo la soglia è un po’ alta da terra. lo schienale posteriore è frazionato 40:20:40.

Com’è l’abitabilità

A bordo di Renegade si sta bene, soprattutto per il senso di spazio che si ha grazie alle sue forme squadrate. Anche lo spazio per le gambe è sempre sufficiente anche per i passeggeri posteriori che, vista appunto la forma del corpo vettura, non devono fare contorsionismi o strane manovre per salire a bordo. I sedili anteriori sono abbastanza comodi ma poco contenitivi, mentre sul divano posteriore il posto centrale è più indicato per viaggi non troppo lunghi.

Come va?

Renegade 4XE è mossa da un motore termico a benzina turbo con cilindrata di 1,3 litri capace di erogare 180 cv e una coppia massima pari a 270 Nm già disponibile a 1.850 giri al minuto accoppiato ad una trasmissione automatica a 6 rapporti. A questa unità si aggiunge la macchina elettrica posteriore che è in grado di erogare 60 cv e ben 250 Nm di coppia. La potenza totale risulta quindi di 240 cv, un valore molto elevato che permette a Renegade di raggiungere i 100 km/h in poco più di 7 secondi e toccare i 200 km/h di velocità massima. Alla guida la potenza quindi non manca, quello però che convince meno è la gestione delle due unità , termica ed elettrica. Utilizzando l’auto in modalità Hybrid il funzionamento è pressoché identico a quello di un’auto puramente elettrica, con l’unità termica che interviene solo quando la batteria è scarica o nei momenti dove si richiede la massima potenza. Purtroppo quando il motore a benzina entra in gioco lo fa in modo piuttosto brusco e poco in sintonia con quello elettrico. In questa modalità il consumo di carburante è praticamente nullo fino a che la batteria è carica. Per ottenere una durata maggiore della batteria conviene utilizzare la modalità E-save, dove il motore termico lavora maggiormente preservando così la carica. I consumi in questa modalità variano da 13 km/litro a 15 km/litro, mentre con  la batteria completamente scarica il valore scende a 12 km/litro (Dichiarato 2,2 litri per 100 km). Questi valori risultano piuttosto elevati considerando la presenza del sistema ibrido. Renegade rimane poi sempre molto piacevole alla guida. Le sospensioni, specifiche per il fuoristrada nella versione Trailhawk, lavorano molto bene assorbendo anche buche profonde e dossi senza essere troppo rigide, solo il beccheggio è più accentuato ma comunque non fastidioso. L’impianto frenante è potente anche se il feeling del pedale non convince del tutto, sensazione attribuibile alla presenza del sistema brake by wire. Il corredo di ADAS presenti su questa versione è molto completo con il mantenimento della corsia, l’avviso di veicoli nell’angolo cieco e la segnalazione dell’attraversamento di altre auto quando si procede in retromarcia. Il funzionamento di questi dispositivi è puntuale e efficace, solo il mantenimento della corsia ha reazioni un po’ brusche nell’effettuare le correzioni. Per avere un corredo veramente completo poi il cruise control adattivo dovrebbe essere presente.

Com’è l’autonomia

L’autonomia di questa nuova Renegade ibrida plug-in non fa gridare al miracolo, soprattutto per quel che riguarda il valore relativo al motore termico piuttosto che quello dell’unità elettrica. Utilizzando solo il motore elettrico si riescono a percorrere infatti circa 40 km grazie alla batteria da 11,4 kWh, che però ha tolto spazio al serbatoio del carburante portando l’autonomia totale a circa 430 km.

Com’è la ricarica?

La gestione efficace della ricarica è la chiave per l’utilizzo corretto della motorizzazione plug-in, infatti se si percorrono tragitti casa-lavoro con una lunghezza di circa 40 km il motore a benzina può non essere chiamato in causa per giorni. Il tempo di ricarica da una presa domestica è di circa 6 ore e può essere programmato tramite il touch screen centrale scegliendo l’orario ed i giorni preferiti. Con la wallbox o con le colonnine pubbliche da 7,4 kW il tempo scende poi sotto le due ore

Come sono gli allestimenti?

Renegade 4XE viene proposta in quattro allestimenti:

  • LIMITED è l’allestimento di ingresso e comprende cerchi in lega da 17″, sistema di avviso di collisione frontale, Uconnect da 7″ e radio DAB+

 

  • 80° ANNIVERSARIO con badge identificativi dedicati, Uconnect da 8,4″, motorizzazione ibrida da 190 Cv e cerchi in lega da 18″

 

  • S è l’allestimento più sportivo con cerchi da 19″, fari full led, Uconnect da 8,4″, specchi e maniglie in tinta carrozzeria

 

  • TRAILHAWK è l’allestimento votato al fuoristrada con Hill Descent Control, sospensioni specifiche, Select Terrain con 5 modalità di funzionamento, protezioni sottoscocca e fari full led

 

Quanto Costa?

La gamma Renegade parte da 24.550 euro. Per le motorizzazioni ibride plug-in il prezzo di partenza è di 39.150 euro per l’allestimento LIMITED. Per la versione Trailhawk da 240 cv la cifra diventa di 43.150 euro, rendendola poi full optional come quella in prova si sfiora la cifra di 50.000 euro. I prezzi sono indicati senza considerare  gli eco-incentivi dedicati alle auto con emissioni fino a 60 g/km di CO2 in cui  Renegade 4XE rientra.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Guidabilità. Spazio a bordo.Consumo elevato. Funzionamento power train ibrido brusco. Feedback pedale del freno.

Jeep Renegade 4XE Plug-in Hybrid Trailhawk 2021: Scheda Tecnica

Dimensioni: 4.236 mm lunghezza x 1.805 mm larghezza x 1.718 mm altezza x 2.570 mm passo
Motore: 1.3L Turbo Benzina + elettrico, potenza totale 240 cv
Trazione: Anteriore + Elettrica Posteriore Active Drive Low
Cambio: automatico a 6 rapporti
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 7,1’’
Velocità massima: 199 km/h
Angoli caratteristici: 28°-18°-28° (attacco-dosso-uscita)
Allestimenti: Limited, 80° Anniversario, S, Trailhawk
Bagagliaio: 330 litri, 1.277 litri con i sedili reclinati
Consumi: 2,2 litri/100 km secondo il ciclo combinato WLTP
Prezzo: da 39.150 €
Classe: Euro 6d-Final

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Jeep supporta in Europa le Juventus Women

Il primo match si terrrà a Ginevra il 6 ottobre alle 18:45 contro il Servette
Il logo 4xe di Jeep, che spicca sulla divisa bianconera della squadra Juventus Women accanto al marchio Jeep, accompagna le