Mazda MX-5 2021 Back to Drive: il raduno nazionale diffuso è un successo [FOTO e VIDEO]

Sono stati 1.770 gli iscritti che si sono dati appuntamento in 27 location differenti in tutta Italia

Fin da principio non avevamo dubbi ma ora possiamo dirlo ad alta voce: il raduno diffuso MX-5 Back to Drive di domenica 23 Maggio 2021 è stato un vero successo determinato dalla perfetta sinergia tra Mazda Italia e i club di appassionati della spider giapponese. Noi di Motorionline abbiamo partecipato a quello organizzato da MiataMania Lombardia con punto di ritrovo ai Piani dell’Avaro in provincia di Bergamo. È stata davvero una emozione unica vedere così tanti appassionati di ogni età, proprio come le loro auto, partecipare con le MX-5 di proprietà dopo un così lungo periodo di acuta pandemia e isolamento sociale. Ovviamente tutto l’evento si è svolto seguendo le regole dell’ultimo DPCM: distanziamento e mascherine ma all’appello c’erano tutte le quattro generazioni di Mazda MX-5: dalla capostipite NA (disegnata da Tom Matano), fino all’ultima serie ND e RF passando ovviamente dalla NB e NC. Una spider democratica sia per il listino del nuovo (mancano vere alternative in termini di divertimento di guida/prezzo) sia per il mercato dell’usato dove i privati riescono ancora a trovare le tre generazioni precedenti a prezzi inferiori (o di poco superiori) a circa 10.000 euro. Senza contare il mondo dei pezzi di ricambio e tuning; davvero sconfinato.

Start alle 10.30 in 27 location 

Un raduno in Alta Val Brembana a oltre 1.700 metri di quota proprio come i partecipanti al raduno nazionale Back to Drive che ha visto un boom di iscrizioni di 1.770 totali. Tutti al volante della Mazda MX-5 per raggiungere i panorami più belli d’Italia. Iniziativa che è stata accompagnata da un evento nell’evento: Radio Mazda. Le voci del Dj Enrico Tagliaferri e della speaker radiofonica Micol Ronchi in diretta hanno intrattenuto i partecipanti anche grazie agli aneddoti e storia del più grande collezionista di Mazda MX-5 di tutto il mondo: Andrea Mancini (qui la nostra intervista esclusiva). Alle ore 12:00 c’è stato il saluto live da Hiroshima di Nobuhiro Yamamoto, lo storico ingegnere Mazda che progetto il motore della Mazda 787B, prima auto giapponese a vincere la 24 Ore di Le Mans, e project leader della Miata.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati