Nuova Opel Zafira Tourer a metano: la migliore autonomia del segmento

Un sistema di serbatoi all’avanguardia

Nuova Opel Zafira Tourer a metano: la migliore autonomia del segmento

Poco dopo l’anteprima mondiale della nuova Zafira Tourer al 64° Salone dell’Automobile di Francoforte, Opel amplia la gamma della sua nuova monovolume compatta con un propulsore a carburante alternativo estremamente efficiente ed ecologico.

A gennaio 2012 al portafoglio di motorizzazioni del campione di flessibilità Opel si aggiungerà la nuova versione ecoM Turbo a metano, caratterizzata da una autonomia di 530 km, la migliore del segmento, ben oltre la soglia dei 500 km. Come il modello precedente, anche Zafira Tourer è dotata del sistema monovalentPlus di Opel e dispone di una riserva di benzina di 14 litri, per un’ulteriore autonomia di 150 km.

La Zafira Tourer 1.6 ecoM Turbo eroga 110 kW/150 cv, 210 Nm di coppia e raggiunge una velocità massima di 200 km/h. La vettura consuma solo 4,7 chilogrammi (7,2 m3) di metano per 100 chilometri nel ciclo misto, ossia circa il 6% in meno rispetto alla precedente Zafira metano. Le emissioni di CO2 sono state ridotte a 129 g/km (modello precedente: 139 g/km), in linea con la Normativa Euro 5. Il motore 1.6 funziona anche con biogas o con una miscela di metano e biogas. In caso di propulsione con biogas al 100%, le emissioni di anidride carbonica sono pari quasi a zero.

L’autonomia della Zafira Tourer metano migliora di circa il 25% rispetto al modello precedente. Risultato ottenuto in prevalenza grazie a un nuovo sistema di serbatoi leggeri che consente di aumentare la capacità di metano a 25 kg (modello precedente: 21 kg) e all’ottimizzazione del sistema di trazione.

I prezzi della Zafira Tourer versione metano, già ordinabile, partono da 27.700 euro (IVA inclusa). I veicoli a metano come la nuova Zafira Tourer si caratterizzano per costi di gestione significativamente inferiori rispetto agli stessi modelli a benzina.

Un sistema di serbatoi all’avanguardia

I tecnici Opel hanno portato il volume dei serbatoi del metano a 25 chilogrammi dai 21 del modello precedente, aumentando in questo modo l’autonomia di viaggio in modalità metano di circa il 25%, a 530 km. Invece di utilizzare i tradizionali cilindri di acciaio, i tecnici hanno scelto un leggerissimo materiale composito all’avanguardia con fibra di carbonio, che ha permesso di risparmiare 85 chilogrammi di peso.

Un’altra innovazione importante che ha ulteriormente aumentato l’autonomia è l’uso di regolatori di pressione elettronici al posto di quelli meccanici, come nel caso della precedente Zafira metano. Grazie a questi regolatori elettronici, quando i cilindri sono quasi vuoti è possibile sfruttare in modo efficiente anche le più piccole riserve. In configurazione sette posti, Zafira Tourer ecoM ha un chiaro vantaggio rispetto alla concorrenza in termini di autonomia di viaggio.

Il sistema monovalentPlus per la massima efficienza nella guida quotidiana

Opel è stato il primo costruttore a ottimizzare i motori per l’uso del metano adottando l’intelligente sistema monovalentPlus. Grazie a questo approccio già sperimentato e verificato, il motore è stato ottimizzato per l’impiego del metano, ma il veicolo è dotato anche di un serbatoio ausiliario per la benzina con una capacità di 14 litri. Quando i serbatoi del metano sono vuoti, la vettura inizia automaticamente a utilizzare le riserve di benzina.
Numerosi sono stati gli interventi di ottimizzazione del motore: dato che il metano possiede una resistenza alla detonazione fino a 130 ottani, è possibile aumentare la compressione, raggiungendo così una maggiore efficienza. L’aumento del rapporto di compressione è ottenuto anche grazie all’uso di un pistone dal disegno speciale, specifico per l’uso con il metano. L’iniezione sequenziale per cilindro, con blocco di iniezione e quattro iniettori per metano e benzina, consente inoltre di esercitare un preciso controllo su tempi e quantità dell’iniezione, riducendo così le emissioni nocive, e producendo gas di scarico particolarmente puliti.

Opel Zafira: l’ammiraglia a metano

Dal lancio del primo modello a metano nel 2001, Opel ha venduto oltre 70.000 vetture a metano in tutta Europa, tra cui Zafira, Astra Caravan e Combo. Oltre due terzi delle vendite totali a metano appartengono a Zafira e la rendono la vettura più venduta e l’ammiraglia indiscussa dell’offerta a metano di Opel. Opel è sempre stata tra i primi tre produttori per vendite in Europa nel segmento del metano. In Italia Opel Zafira anche nel 2011 è stata la monovolume a metano più vendita in Italia.

La versione metano di Zafira One 1.6 ecoM Turbo resta ancora disponibile, ma grazie all’introduzione della nuova Zafira Tourer 1.6 ecoM Turbo, l’offerta a metano Opel raggiunge un livello superiore. Grazie a un perfetto mix di funzionalità e comfort, la nuova Opel Zafira Tourer porta nel segmento delle monovolume la qualità superiore e le tecnologie innovative di Insignia, insieme a un design scultoreo e dinamico. Con il sistema di sedute Flex7 ampiamente riprogettato, la nuova Zafira Tourer definisce nuovi standard in termini di flessibilità e atmosfera dell’abitacolo.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Ecologia

    Lascia un commento

    10 commenti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Marco ha detto:

      Trovo le Vostre scelte ottime e in linea con i tempi presenti e futuri.
      Cordiali saluti
      Marco

    • emanuele ha detto:

      ciao,ho letto attentamente tutte le informazioni sulla Zafira . va bene tutto ma, essendo k x me sarebbe la prima volta k compro una vettura a metano e k mi piace una guida brillante, vorrei avere più info sulla ripresa della stessa .fino ad oggi ho guidato solo auto a benzina e diesel.grazie

    • Alberto ha detto:

      Quale convinto sostenitore del metano, (circa 200000 hm percorsi con tale combustibile), sono ad esprimere un paio di dubbi.
      – La scarsa autonomia a benzina e’ una cosa voluta per contenere i pesi in fase di omologazione/collaudo? Vale lo stesso discorso del Caddy WW in cui il costo del bollo annuale e’ particolarmente basso?
      – Le bombole di nuova generazione hanno gli stessi tempi di revisione di quelle in acciaio? Quali sono i costi che si dovranno affrontare per tale intervento?

    • roberto ha detto:

      La zafira turbo metano e’ una gran macchina,la possiedo da un anno e sono molto soddisfatto.possiedo un’auto a disel ma non c’e’ confronto,a parita’ di cavalli,un motore a turbo metano e’ superiore ad un motore benzina.Per la capacita’ del serbatoio ridotta e’ per farla risultare esclusiva metano con riduzione speciale sul bollo: 110Kw pagati con riduzione 80 euro.e’ una bella storia!!!!

    • ale ha detto:

      … l’ho acquistata da 4 anni: abbandonerò una metano solo per un’auto a idrogeno!

    • fabio ha detto:

      ho comprato la tourer a metano ma non faccio più di 390 km a metano caricando 19 kg le notizie di una autonomia di oltre 500 km sono una bufala una presa in giro per gli acquirenti

    • Piero ha detto:

      @fabio facendo 2 conti se con 19 kg fai 390km con 25kg (cioè tutto il sebatoio a metano disponibile) dovresti fare circa 513km … quindi i conti tornano … o vuoi dirmi che non si riescono a sfruttare più di 19kg di metano?

    • aldo ha detto:

      Posseggo una ZT da un mese a quanto mi costa attualmente quello che afferma opel non è vero.

    • Rossi Costantino ha detto:

      Ho lo stesso problema le bombole si sono da 25Kg. ma mai sono riuscito a caricare + di 19 max 20kg. max. di metano autonomia 420km e non 530. La OPEL mi ha ingannato, e continua ad ingannare, dovrebbero vergognarsi, inoltre dei miei reclami non hanno voluto saperne niente, mai + acquisteró una Opel!!!.

    • faber ha detto:

      x la capacità delle bombole….io ho una Zafira One che nominalmente dovrebbe caricare 21kg max, e invece ne carico sempre minimo 22-23 kg,
      quindi ben oltre quanto dichiara opel.
      dipende molto dai distributori

    Articoli correlati