Porsche 718 Cayman GT4 RS: un’ipotesi sull’aspetto della futura sportiva compatta [RENDERING]

Sotto il cofano figurerebbe sempre un sei cilindri boxer aspirato

Porsche 718 Cayman GT4 RS – Come potrebbe essere la potenziale erede della Cayman GT4, immaginata in questa elaborazione grafica
Porsche 718 Cayman GT4 RS: un’ipotesi sull’aspetto della futura sportiva compatta [RENDERING]

Vari elementi aerodinamici rendono il design complessivo più grintoso e potente. Spiccano immediatamente nell’ipotesi stilistica proposta sulla vociferata Porsche 718 Cayman GT4 RS.

L’immaginato design appare calamitante, ma a proposito della possibile erede della Cayman GT4, i rumors sulla parte tecnica sono altrettanto interessanti, iniziando dal motore. Rispetto all’unità da 3.8 litri della precedente GT4 ripresa dalla passata 911 Carrera S, ora sotto il cofano potrebbe esserci il più recente sei cilindri aspirato di 4.0 litri, già visto sulla ben più potente 911 GT3 RS. In questo caso si suppone depotenziato, viste le caratteristiche della vettura, ma comunque capace di offrire prestazioni altisonanti. Il propulsore potrebbe offrire una spinta vicina ai 430 cavalli, una cinquantina in più rispetto alla Cayman GT e questo consentirebbe di abbassare il tempo in accelerazione, che potrebbe essere contenuto nell’arco dei quattro secondi, sino a una velocità di punta di 300 km/h, forse leggermente superiore. Il motore potrebbe essere abbinato a una trasmissione manuale sei rapporti, ma non è possibile escludere il fatto che la casa proponga anche un cambio PDK.

Tornando all’aspetto, la raffigurazione di questa 718 Cayman GT4 RS presenta i caratteri tipici già notati sui più recenti esemplari RS della casa di Stoccarda, l’ultima evoluzione della 911 GT3 RS e la recentissima 911 GT2 RS. Soprattutto i distintivi sfoghi in prossimità dei passaruota anteriori a forma di branchie, che rafforzano l’immagine grintosa della vettura oltre ad avere una specifica funzione tecnica assieme alle ampie prese d’aria anteriori; il cofano scolpito; lo splitter anteriore sagomato, così come le sottili e aerodinamiche minigonne laterali; gli altri sfoghi sulle pance e l’ala posteriore ancorata da montanti sottili ma robusti, che potrebbero consentire delle regolazioni per disporre di maggiore o minore carico aerodinamico. Ma sono sempre ipotesi legate a questa elaborazione. Si può supporre, poi, che i gruppi ottici ricalchino la firma luminosa del modello già noto, allineati all’attuale produzione; mentre l’abitacolo, al pari dell’esterno, risulterebbe più grintoso con un pacchetto Sport Chrono, rivestimenti in Alcantara, oltre a comprendere sistemi tecnologici di ultima generazione e tra gli eventuali optional degli accessori studiati in ottica prestazionale.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati