Porsche 911 GT2, ecco perché in America la chiamano “widowmaker”

Una delle versioni più estreme della 911

Non è un caso se la Porsche 911 997 GT2 è stata soprannominata "widowmaker" e questa foto ci dimostra quanto possa essere difficile da domare.
Porsche 911 GT2, ecco perché in America la chiamano “widowmaker”

Abbiamo buone notizie e cattive notizie per i fan della Porsche 911 997 GT2. La buona notizia è che ce n’è una all’asta in questo momento che potrebbe essere la più economica che si sia mai vista. La cattiva notizia è che purtroppo è completamente distrutta. L’esemplare in questione è un modello del 2008 della generazione 997 – una delle 194 vetture che sono state vendute negli Stati Uniti.

L’apice della famiglia 911, il modello GT2 – come ogni “Porschista” potrebbe dirvi – combina la natura hardcore della GT3 con il motore del modello Turbo. La 997 comprendeva un boxer-sei cilidnri da 3,6 litri, con 523 cavalli di potenza e 500 Nm di coppia che eroga la potenza attraverso una trasmissione manuale a sei rapporti alle sole ruote posteriori, dandole il soprannome di “Widowmaker” (creatrice di vedove).

Scatta da 0 a 100 in 3,6 secondi e supera i 320 km/h. Tutto questo supponendo che si riesca a mantenere tutta quella potenza sotto controllo – non è un’impresa facile considerando che è tutto concentrato intorno alle ruote posteriori in un design intrinsecamente sbilanciato. Il proprietario di questa nella foto non ci è riuscito, apparentemente, e sembra essersi schiantato piuttosto duramente. Il frontale è schiacciato, e dal suo aspetto, la sospensione anteriore e la cremagliera dello sterzo sono probabilmente distrutti.

Fortunatamente il posteriore sembra quasi intatto. A parte gli airbag che sono stati esplosi, anche la cabina sembra a posto. E il motore apparentemente funziona ancora. Vale la pena ripararla? Difficile a dirsi. Attualmente l’auto è offerta all’asta in America con una somma di apertura di circa 26.000 euro e nessuno si è ancora offerto di acquistarla.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati