Riich G5: berlina media di lusso cinese

Riich, brand di lusso di Chery per il mercato cinese, ha svelato la Riich G5, una berlina media che si posiziona al di sotto della G6, primo dello del nuovo marchio. La Riich G5 rappresenta una versione di lusso della Chery A6 da cui deriva direttamente e presenta una dotazione molto piu’ ricca, di serie offre infatti: tetto panoramico apribile dotato di celle solari, ESP, TCS, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, trip computer, 6 airbag, interni in pelle, limitatore di velocità, sedili regolabili elettricamente, navigatore satellitare e climatizzatore trizona.

Lunga 471 cm, la Riich G5 è destinata a competere con le proposte di Toyota e Honda nello stesso segmento.

La G5 è spinta da un 2.0 turbo benzina in grado di erogare 170 cavalli ed è disponibile in tre allestimenti, base, Elite e Luxury. La G6 è disponibile con cambio manuale a sei marce o automatico a cinque rapporti.

I prezzi della Riich G5 partono da 142.800 yuan per arrivare fino ai 179.800 della Luxury con cambio automatico.

Foto: Riich G5

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Michael 1963 ha detto:

      Un prototipo si è visto già girare per le strade di Isernia. Sicuramente alla DR Motor stanno studiando una versione italiana da commercializzare con il loro Marchio. Che si tratti della futura DR7? Però ci vorrebbe un buon diesel intorno ai 2.000 c.c.
      Buon Natale e felice anno nuovo 2011!

    Articoli correlati

    Anticipazioni

    A Ginevra la nuova Corvette Grand Sport

    Nata per sfatare i miti europei, è tremendamente orientata alle performance
    Parliamo di miti sfatati perché nell’immaginario medio europeo si associano ancora strade dritte a vetture americane: ma non è più