Stellantis: lo stabilimento di Ellesmere Port produrrà veicoli elettrici

Si tratterà di commerciali leggeri, anche per trasporto persone

Stellantis: lo stabilimento di Ellesmere Port produrrà veicoli elettrici

Lo stabilimento Stellantis di Ellesmere Port (Gran Bretagna) non chiude. Anzi, diventerà la prima fabbrica produttiva del neonato gruppo per i veicoli commerciali leggeri elettrici di Vauxhall, Opel, Peugeot e Citroen. Per questa trasformazione, ci sarà un investimento di 100 milioni di sterline, sostenuto dal governo britannico.

“La sostenibilità va garantita attraverso il miglioramento delle prestazioni e questo investimento di 100 milioni di sterline dimostra il nostro impegno a favore della Gran Bretagna e di Ellesmere Port – le parole di Carlos Tavares, CEO di Stellantis – Desidero ringraziare in particolare i nostri dipendenti, competenti e motivati, per la loro pazienza e il loro impegno; non li abbiamo mai abbandonati. Dal 1903 Vauxhall produce veicoli in Gran Bretagna e continueremo a farlo”.

Le novità

Lo stabilimento verrà aggiornato con la realizzazione di una nuova carrozzeria, il potenziamento dell’intera linea di assemblaggio, una riduzione delle dimensioni e la creazione di una linea di assemblaggio dei pacchi batteria. Inoltre, sono previste ulteriori misure a favore di un percorso che garantisca la neutralità carbonica entro il 2025.

I veicoli prodotti

La nuova produzione dei veicoli elettrici ad Ellesmere Port inizierà a partire dalla seconda metà del 2022 e comprenderà Opel (Vauxhall) Combo-e e Combo-e Life, Peugeot e-Partner, Peugeot e-Rifter e Citroen e-Berlingo.

Questi veicoli commerciali leggeri e le loro varianti per il trasporto passeggeri sono tutti alimentati da un motore da 136 CV, abbinato a una batteria agli ioni di litio da 50 kWh. Possono essere ricaricati fino a 100 kW con un tempo di ricarica dallo 0 all’80% di soli 30 minuti. Nel ciclo WLTP, hanno un’autonomia di circa 280 chilometri.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Veicoli commerciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati