Coronavirus: Suzuki estende le garanzie e posticipa tagliandi e richiami

Sarà tutto effettuato al termine del lockdown

Coronavirus: Suzuki estende le garanzie e posticipa tagliandi e richiami

L’emergenza coronavirus sta bloccando tutti gli italiani in casa, con concessionarie chiuse e l’impossibilità (escluso per necessità urgenti) di sottoporre la propria auto alla manutenzione. Suzuki ha deciso così di estendere per un mese le garanzie ufficiali scadute durante il lockdown, così come di posticipare la manutenzione programmata o un eventuale richiamo.

L’estensione della garanzia Suzuki

La casa giapponese allungherà di un mese la garanzia, a partire da quando si tornerà a circolare liberamente. Di conseguenza, se il via libera avverrà (come si ipotizza in questi giorni) il 4 maggio, la garanzia sarà valida fino al 4 giugno. Ovviamente solamente se la garanzia è scaduta durante il periodo di lockdown oppure è in scadenza.

In questo lasso di tempo, la rete dei concessionari e dei riparatori autorizzati sarà disposizione per fare le verifiche del caso e per risolvere il possibile inconveniente senza alcun onere per il cliente.

Manutenzione e richiami

Lo stesso vale anche per quanto riguarda il tagliando. Chi lo aveva in scadenza durante il periodo di isolamento per il coronavirus, potrà compiere gli interventi in officina nel mese successivo alla ripresa della normale attività per non far decadere le coperture e senza perdere alcun diritto futuro, con una maggior tutela anche del valore residuo dell’auto.

Infine, Suzuki ricorda che per eventuali raccomandate su aggiornamenti e richiami sulle vetture del marchio, è possibile già contattare il concessionario o il centro d’assistenza più vicino, per fissare l’appuntamento. Il lavoro sarà poi eseguito una volta terminato il lockdown.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati