Terremoto nel centro Italia: situazione viabilità

La Polizia Stradale rende note le strade percorribili

Incredibile lavoro da parte della Polizia Stradale per migliorare la viabilità nelle zone colpite dal sisma e per rendere più agevole l'arrivo dei mezzi di soccorso.
Terremoto nel centro Italia: situazione viabilità

Il violento terremoto di magnitudo 6.5 che ieri mattina 30 ottobre 2016 alle 7:40 ha risvegliato buona parte del Centro Italia ha provocato estrema paura nelle popolazioni colpite ed ingenti danni soprattutto ai paesi vicini all’epicentro del sisma e cioè Norcia, Preci e Visso. Purtroppo, le immagini che ieri hanno fatto il giro del mondo, hanno evidenziato parecchi danni anche alla rete di viabilità ordinaria con numerose strade caratterizzate da crepe nel manto stradale.

Il Capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, subito dopo il terremoto, non ha esitato a dichiarare che “nell’area interessata dal sisma si segnalano crolli, massi caduti sulle strade e smottamenti che, tra le altre cose, rendono sicuramente più difficili gli spostamenti dei mezzi di soccorso”. Proprio per questo sta risultando fondamentale il lavoro che sta svolgendo la Polizia Stradale al fine di garantire la massima viabilità possibile anche in condizioni decisamente sfavorevoli.

Stando all’ultimo bollettino della viabilità diffuso attraverso i propri canali social ufficiali, la Polizia Stradale fa sapere la situazione delle strade colpite dal sisma in maniera più o meno violenta che è stata fotografata così come segue:

MARCHE
SS. 4 “Salaria” Km. 150 chiusa per cavo alta tensione a terra e verifica viadotti;
SS. 685 Ascoli /Norcia chiusa al Km. 3+700 per viadotto pericolante;
S.P. 134 da Ussita (MC) / Fraz. Casali chiusa per frana;
S.P. 135 Visso / Castel Sant’Angelo Sul Nera (MC) chiusa per frana;
S.P. 136 Castel Sant’Angelo sul Nera (MC) / Castelluccio di Norcia (PG) chiusa per frana;
S.P. 209 “Valnerina” a Villa Sant’Antonio (Fraz. Visso) senso unico alternato per crolli abitazioni – dopo Visso direzione Terni in località Molini di Visso causa frana la strada è chiusa fino al bivio con la SP 476;
S.P. 120 Sarnano (MC) / Sassotetto (MC) chiusa per frana dal km. 5 al km. 11;
S.P. 91 da Fiastra (MC) a Pian di Pieca (Comune di S. Ginesio) chiusa per frane;
S.P. 502 al Km. 49 in località “Cusiano” nel Comune di S. Severino Marche (MC) parzialmente chiusa per crollo abitazione;
S.P. 89 Val Fluvione chiusa nel centro abitato di “Balzo” Comune di Montegallo (AP).
LAZIO
S.S.4 “Salaria” km99 Antrodoco chiusa in direzione Ascoli- ( i mezzi provenienti da Amatrice diretti a Roma possono scendere)
SS 4 km 134 viadotto gravemente lesionato (possibile bypassarlo scendendo al bivio e risalendo)

UMBRIA
SS. 685 loc. Borgo di Cerreto innesto SP 209 chiusa;
Sp 209 dir. Visso chiusa
SP 476 tratto Preci- Norcia: problemi per edifici pericolanti
SP 477 Non percorribile da Forche canapine a Castelluccio; -tratto Norcia- Castelluccio solo mezzi di soccorso.
ABRUZZO
SS80 dal Km 50 al 60+300 chiusa per un masso sulla strada

Inoltre la Polizia Stradale ha indicato anche i percorsi migliori da percorrere a cura dei mezzi di soccorso al fine di poter aiutare al meglio le popolazioni coinvolte:
Da Sud: uscita Fiano Romano, SS4 Salaria dir. Rieti, deviazione per Terni-Spoleto, SS685 Tre Valli Umbre fino a Norcia.
Da Nord: A1 uscita Firenze SUD, Raccordo Siena-Perugia dir. Perugia, SS75 fino a Foligno, SS3 Flaminia fino a Spoleto, SS685 Tre Valli Umbre fino a Norcia.
Dalla costa: A14 uscita Civitanova marche, SS77var fino a Foligno, SS3 Flaminia fino a Spoleto, SS685 Tre Valli Umbre fino a Norcia.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Circolazione stradale

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati

    Auto

    Bus e sicurezza: c’è ancora tanto da fare

    Dati negativi dai controlli effettuati dalle forze dell'ordine
    Dopo l’evento accaduto pochi giorni fa dell’autobus con 51 studenti, 2 insegnanti e una collaboratrice scolastica sequestrato e poi dato