Tesla Model S Plaid vs Nissan GT-R: chi vince la drag race? [VIDEO]

Sulla linea di partenza è stata schierata anche una Porsche 911 Turbo S

Tesla Model S Plaid vs Nissan GT-R: chi vince la drag race? [VIDEO]

Da quando è arrivata sul mercato, la Tesla Model S Plaid è stata messa a confronto con altre supercar ad alte prestazioni in diverse drag race. Fino ad ora, si è dimostrata un temibile avversario per vari modelli.

Thomas e James del canale YouTube Throttle House hanno recentemente messo a confronto una Model S Plaid contro una Nissan GT-R capace di sviluppare ben 1100 CV di potenza e una Porsche 911 Turbo S.

Tesla Model S Plaid vs Nissan GT-R vs Porsche 911 Turbo S drag race

La berlina elettrica di Elon Musk ha dovuto affrontare prima la 911 Turbo S. Nonostante le ottime prestazioni garantite dalla sportiva tedesca, la Tesla Model S Plaid riuscita ad avere la meglio con i suoi 1020 CV di potenza. Inoltre, quest’ultima non aveva nemmeno attivata la modalità dedicata alle gare di accelerazione.

Per quanto riguarda il versus contro la GT-R da oltre 1000 CV, anche con così tanta potenza scaricata sulle ruote la vettura giapponese modificata non è riuscita a vincere contro la Tesla. A quanto pare soltanto un’auto è in grado di battere la Model S Plaid nel rettilineo e questo è visibile alla fine della clip che trovate ad inizio articolo. Vi basta cliccare sul tasto Play dell’anteprima per scoprire maggiori informazioni.

Tesla Model S Plaid vs Nissan GT-R vs Porsche 911 Turbo S drag race

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Porsche ha venduto oltre 300.000 auto nel 2021

La Cina è stata ancora una volta il mercato unico più grande per il produttore tedesco
Porsche ha concluso il 2021 consegnando in tutto il mondo 301.915 veicoli, con un aumento dell’11% rispetto al 2020. Parliamo