Tesla Model Y: tentano un percorso in off-road ma rimangono bloccati da ghiaccio e neve

Il tentativo di percorrere il tratto Limone-Monesi a bordo di una "Tesla 4x4 elettrica" non è andato a buon fine, inevitabile l'abbandono dell'auto

Tesla Model Y: tentano un percorso in off-road ma rimangono bloccati da ghiaccio e neve

Quando pensi di averle viste tutte, c’è sempre qualcosa che riesce a sorprenderti. Siamo tutti d’accordo sulle dubbie abilità in off-road di molti SUV moderni, seppur dotati di trazione integrale. Eppure c’è chi, forse, non si è ancora arreso alla loro innata indole cittadina nonostante qualche cm extra di altezza da terra. E’ il caso di due giovani turisti – così sembra – che hanno deciso di intraprendere il difficile percorso da Limone Piemonte a Monesi, passando per la Via del Sale, avvicinandosi al rifugio Don Barbera fino a quasi 2.100 s.l.m. L’esito, però non è stato dei migliori: l’auto si è incagliata nel ghiaccio, costringendo i due ad abbandonarla in cerca di soccorsi. 

Tesla bloccata nel ghiaccio, e le batterie?

“Un finale già scritto” leggendo i commenti di molti utenti del web che hanno apertamente condannato la controversa impresa tentata dai due a bordo della Tesla. Nonostante sia infatti dotata, su certe versioni, di trazione integrale elettrica con due motori (uno per ogni asse), la Model Y non è di certo pensata per intraprendere dell’off-road intenso, piuttosto per assicurare più grip e trazione in curva, ma sempre su asfalto. 

Non si è ancora risaliti ai due giovani che hanno intrapreso il percorso, forse spaventati dalla possibili sanzioni della autorità. I residenti del posto sono ben a conoscenza dei rischi di questo tragitto durante i mesi invernali, sempre ricoperto da neve ghiacciata e difficile da percorrere anche con mezzi specifici. Sui social intanto stanno spopolando le foto della vettura incagliata sul ghiaccio e, da li, la domanda più frequente: che può accadere alle batterie?

Sulla carta nulla, se non una perdita di energia dovuta alle rigide temperature presenti sul posto. Le vetture elettriche moderne sono costruite superando intensi collaudi a temperature estremamente basse così come alte, con stress test spesso ai limiti delle condizioni terrestri. Sarà pero richiesto un intervento da parte della protezione civile o dei vigili del fuoco (ancora da chiarire, dal momento che l’auto si trova in territorio francese) per rimuovere l’auto e riportarla a valle, probabilmente a carico dei due avventurieri. Stando all’esperienza dei locali, fino a marzo sarebbe impossibile sperare in un disgelo così rapido da consentire all’auto di tornare a bassa quota autonomamente. 

L’auto, incagliata in quella posizione dallo scorso 6 novembre, sarebbe ancora bloccata sul posto, in attesa di capire a carico di quale stato sarà da effettuare il recupero. 

 

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati