Tesla rallenta la produzione nella gigafactory di Shanghai per mancanza di parti

Il nuovo aumento dei casi di COVID-19 in Cina sta causando problemi all'azienda

Tesla rallenta la produzione nella gigafactory di Shanghai per mancanza di parti

Con l’aiuto del governo cinese, Tesla è riuscita a riaprire la sua gigafactory di Shanghai. Tuttavia, secondo nuovi report, l’impianto starebbe subendo interruzioni alla produzione a causa della mancanza di parti.

In base a quanto dichiarato da Reuters, la casa automobilistica di Elon Musk prevedeva di produrre martedì solo 200 veicoli nel suo stabilimento e due fonti anonime hanno affermato che lunedì la produzione è stata interrotta completamente.

Tesla è riuscita a riaprire la Giga Shanghai il 19 aprile dopo ben 22 giorni di chiusura a causa dell’aumento dei casi di COVID-19 in Cina. La riapertura è stata resa possibile grazie all’aiuto dei funzionari della città di Shanghai, che hanno permesso di far ritornare a lavorare i dipendenti nel sito.

Aprile si è chiuso con 10.757 auto elettriche prodotte

A fine aprile, il brand di auto esclusivamente elettriche ha prodotto 10.757 EV, con fino a 1200 veicoli al giorno. Nonostante questi numeri, però, la China Passenger Car Association (CPCA) afferma che Tesla sarebbe riuscita a vendere solo 1512 auto elettriche ad aprile.

Parliamo di un importante calo rispetto al mese precedente (marzo) in cui sono stati immatricolati complessivamente 65.814 veicoli elettrici.

Rate this post

rand:0
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati