Volkswagen: Hebert Diess amministratore delegato fino al 2025

Domani sarà svelata la strategia del marchio fino al 2030

Volkswagen: Hebert Diess amministratore delegato fino al 2025

Qualche mese fa era stato paventato un suo addio anticipato, invece, Herbert Diess resterà a capo del Gruppo Volkswagen per ulteriori due anni, rispetto al precedente mandato in scadenza, e guiderà il gruppo tedesco fino all’ottobre 2025. Un rinnovo importante, annunciato nei giorni precedenti la presentazione del piano 2030.

“Il Dr. Herbert Diess ed il suo team del Consiglio di amministrazione hanno lavorato con i rappresentanti dei dipendenti per portare avanti con successo la trasformazione del Gruppo negli ultimi anni – le parole di Dieter Potsch, il presidente del Consiglio di Sorveglianza – Il Consiglio di Sorveglianza ritiene che sotto la guida del Dr. Diess le condizioni saranno ottimali per il continuo sviluppo dell’intera azienda anche nei prossimi anni, soprattutto in vista della Strategia 2030”.

I conflitti interni

Come dicevamo, nei mesi scorsi si erano sparse le indiscrezioni di un addio di Diess, anche prima della scadenza dell’attuale mandato nel 2023. C’erano stati alcuni conflitti interni, ma era stata poi rinnovata la fiducia all’amministratore delegato. Ora questo rinnovo sancisce definitivamente la ‘pace’ nel Gruppo.

I piani per il futuro

La strategia futura sarà presentata ufficialmente domani (13 luglio) e proporrà i piani del Gruppo Volkswagen fino al 2030. Ovviamente ci sarà in primo piano l’elettrificazione, con i piani per la produzione delle batterie per le auto elettriche.

Ma non solo, perché “Un ruolo chiave sarà svolto dalla guida autonoma che, insieme ad altri servizi di mobilità basata sul software – viene scritto nel comunicato – dovrebbe portare al raddoppio del mercato automobilistico nei prossimi 10 anni”. E Volkswagen vuole esserne uno dei leader a livello mondiale.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati