Volkswagen ID.4: come funziona il recupero intelligente di energia

Il SUV elettrico ha un'autonomia fino a 520 chilometri

Volkswagen ID.4: come funziona il recupero intelligente di energia

La Volkswagen ID.4 è il primo SUV elettrico della casa di Wolfsburg, per il quale sono già stati aperti gli ordini da alcuni mesi ed in arrivo nelle concessionarie nel corso del 2021. Autonomia dichiarata fino a 520 chilometri (ciclo WLTP) e due motori disponibili al lancio, per un modello con in primo piano il recupero di energia intelligente. Proprio questa tecnologia è al centro di un approfondimento.

Il veleggiamento ed il recupero

La funzione di veleggiamento segnala al guidatore quando togliere il piede dall’acceleratore in anticipo, rendendo così la guida più fluida e rilassata. Per una maggiore decelerazione, basterà premere il freno attivando così il recupero dell’energia. Fino a circa 0,25 g, ossia nella larga maggioranza delle frenate quotidiane, il motore elettrico provvede da solo a rallentare l’auto, mentre il servofreno elettrico attiva i freni delle ruote solo in situazioni che richiedano una maggiore decelerazione.

Il passaggio dalla frenata rigenerativa a quella idraulica avviene in modo quasi impercettibile, grazie al controllo dei sistemi. L’elettronica controlla anche che le ruote posteriori, tramite cui avviene il recupero dell’energia in frenata, abbiano sempre una trazione ottimale.

Non appena la Volkswagen ID.4 si avvicina a una zona a bassa velocità, un incrocio o una curva, l’assistente suggerisce al guidatore di togliere il piede dall’acceleratore. Da questo momento, il sistema gestisce veleggiamento e recupero dell’energia senza che il guidatore debba intervenire.

Le due modalità di marcia

Il guidatore può scegliere quando cambiare la modalità di marcia da D a B. Quest’ultima permette di recuperare l’energia, ma non fino allo stallo. Il limite è posto a 0,13 g.

Con il pacchetto Sport Plus, il recupero di energia in frenata avviene anche in modalità D, seppur in maniera meno intensa, rispetto a quella B.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati