100th Targa Florio con Porsche: in Sicilia al ritmo del vento [PRIMO CAPITOLO]

L'attesa

100th Targa Florio con Porsche – Centesima edizione della storica corsa siciliana, che ha preso vita da un'idea di Vincenzo Florio nel 1906, mutando nel tempo ma restando leggendaria

All’ombra del Teatro Massimo di piazza Verdi a Palermo si assiepano curiosi e appassionati, attendendo i piloti e la partenza della 100/a edizione della Targa Florio. Mentre le strade delle Madonie torneranno a rianimarsi di vitalità e competizione, vi racconteremo le emozioni che trasmette questo epico appuntamento anche dopo aver calcato le strade dell’isola a bordo di uno raffinato esemplare di Porsche 911 Carrera 4S.

Resta impressa questa luce quando si arriva e si riparte da qui. Spiegare il perché resta un mistero. È il segreto della Sicilia, di questa terra traboccante di sfumature e cultura. È la sua potenza. Basta fermarsi in certi angoli di Palermo, capire che ogni passo tra le sue piazze, qualsiasi pensiero, movimento o attesa è un’immersione nel suo passato e presente, e tutto diventa più diretto e coinvolgente. A dettarli sono l’istinto, la leggiadra carezza dei profumi e i colori che attorniano lo sguardo. Il rumore del mare non arriva ma il colore del cielo lo ricorda sempre. Quello stesso mare che ci ha accolto e che trasporta con sé le immagini di coloro che salutano o si avvicinano a questa terra, carico anche dell’aroma e della passione alchemica che unisce il popolo isolano alle sue acque e ai suoi panorami che si perdono a vista d’occhio. La sensazione di un viaggio continuo è costantemente appagante.

Pur restando fermo nella sontuosa piazza Verdi della città, stiamo già viaggiando con la mente come esploratori di realtà, tra i luoghi della mitica Targa Florio. Sono i rumori dei motori che si accendono a rendere tale questa magia. La corsa più antica e una delle più impegnative del mondo riprende di nuovo vita. Si inizia proprio da Palermo, per le celebrazioni, e poi si va verso il mitico circuito delle Madonie, dove ogni respiro e battito sono gustati con maggior enfasi.
La corsa disputata da 1906 e interrotta solo in occasione delle grandi guerre mondiali, è diventata col tempo sempre più prestigiosa, mutando ed evolvendo come succede a un bambino che diventa adulto. Dalla vittoria del meccanico torinese Alessandro Cagno su Itala 35/40 HP, con motore da 8.0 litri sul grande circuito di oltre 148 km e percorso per ben tre tornate, ai mutamenti del circuito accorciato a medio (108 km) o piccolo (72 km) da percorrersi per un numero sempre variabile di giri, nonché la validità come Giro di Sicilia piuttosto che gara di regolarità o tappa valida per il Campionati Mondiale Marche, la corsa ha avuto la sua prima fase di crescita sino al 1977, per poi cambiare ancora in un’appuntamento internazionale per esemplari d’epoca e un’importante appuntamento del Campionato Italiano Rally.
Assaporeremo le celebrazione dei cento anni, come detto, a bordo di una raffinata 911 Carrera 4S, uno degli esemplari della rinnovata gamma 911 di Porsche, arricchita di soluzioni tecniche tecnologiche e affinamenti stilistici peculiari. Marchio che con le grandi corse classiche, come lo è quella siciliana, ha avuto e continua ad avere un rapporto speciale e di successo dal suo primo successo risalente al 1956.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Un weekend con Porsche Italia al Mugello

La Carrera Cup Italia ha regalato spettacolo sul circuito toscano
Per ogni appassionato di motori giunge, almeno una volta nella vita, quel weekend dove si dimenticano i problemi della vita