Alfa Romeo Giulia: presentata la berlina per i Carabinieri [FOTO]

Spinta dal motore 2.0 turbo da 200 cavalli

L’Alfa Romeo Giulia diventa una ‘Gazzella’ per i Carabinieri. La berlina del Biscione entra a far parte della flotta dell’Arma e la prima consegna è avvenuta a Torino, presso il Centro Stile, alla presenza di John Elkann, presidente del Gruppo Stellantis. Saranno ben 1.170 gli esemplari al servizio delle forze dell’ordine.

Le caratteristiche

Questo modello è spinto dal motore 2.0 turbo da 200 cavalli di potenza, abbinato al cambio automatico ad otto rapporti, con alcune caratteristiche esclusive e dedicate. I gruppi ottici sono composti da un pannello messaggio variabile, due luci lampeggianti con luce laterale e faro orientabile e lampeggianti led sui retrovisori.

Il parabrezza è blindato ed i cristalli laterali ed il lunotto sono antisfondamento, le porte anteriori sono blindate, con protezione piedi scendenti, così come il serbatoio del carburante è dotato della protezione antiscoppio. Sono, inoltre, presenti due porta arma elettromeccanico, la cellula detenuto, il porta giubbotti antiproiettili, due porta tonfa e paletta, la radio in posizione centrale ed il sistema di amplificazione e diffusione esterno vettura.

Il sodalizio tra Alfa Romeo ed i Carabinieri

La nuova flotta di Alfa Romeo Giulia è solo l’ultimo passo di un sodalizio storico tra il marchio del Biscione ed i Carabinieri. Risale all’immediato dopoguerra, quando tutte le ‘Gazzelle’ avevano il marchio della casa di Arese. Dalla 1900 M ‘Matta’ del 1951 alla Giulia degli anni ’60, per poi proseguire con l’Alfetta, l’Alfa Romeo 90, la 75, la 155, la 156 la 159, arrivando sino alla Giulia Quadrifoglio.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Il Premio Auto Europa spegne le prime 35 candeline

Audi 80, Alfa Romeo 156 e Citroën XM si sfideranno in un confronto
In collaborazione con Automotoclub Storico Italiano (ASI), l’Unione Italiana Giornalisti dell’Automotive (UIGA) ha scelto tre vetture, fra le 35 premiate