Stop ad auto benzina e diesel: verso il 2040 per il mercato in Italia

Giovannini: "In corso una discussione nel Governo"

Stop ad auto benzina e diesel: verso il 2040 per il mercato in Italia

Molti stati (così come alcune case) stanno fissando delle date per il passaggio definitivo all’elettrificazione del mondo automotive. Lo stop alle auto benzina e diesel sta facendo molto discutere, ma pare un traguardo inevitabile ed anche in Italia si valuta la situazione. E, per la prima volta, c’è un’indicazione temporale: il 2040.

Le parole del ministro Giovannini

È stato Enrico Giovannini, il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibile, a parlare di questo tema, durante un’intervista con Repubblica: “Mi sembra difficile andare oltre il 2040, perché c’è una tendenza in atto e perché si fa competizione internazionale anche su questo. Al momento è in corso una discussione nel governo”.

Alcune nazioni hanno già fissato dei limiti tra il 2030 ed il 2035, ma non pare l’Italia voglia seguire questa accelerazione e puntare più su un passaggio più graduale e dilatato nel tempo: “A luglio arriverà l’indicazione della Commissione Europea. Noi presto decideremo, ma direi che il 2040 è una data limite”.

Gli incentivi

Il Governo, comunque, sta accelerando sul tema dell’elettrificazione, come dimostrano gli incentivi degli ultimi due anni, riservati principalmente alle vetture 100% elettriche o a quelle ibride plug-in. Tuttavia, per rinnovare il parco auto vecchio, sarà fondamentale anche rifinanziare quelli sulla fascia 61-135 g/km, cioè quelli più richiesti.

Su questo tema ci sono ancora discrepanze, soprattutto con chi punta ad un futuro immediatamente a zero emissioni, ma il rischio è quello di mandare ancora più in crisi un settore già molto provato dalle conseguenze della pandemia e dalle numerose restrizioni. Che porta lavoro ed una fetta importante del PIL italiano.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati