Colori regioni 12 aprile 2021: l’Italia è quasi tutta arancione

Restano solamente quattro regioni in zona rossa

Colori regioni 12 aprile 2021: l’Italia è quasi tutta arancione

L’Italia è quasi tutta arancione, a partire da oggi. Solamente Campania, Puglia, Valle d’Aosta e Sardegna sono in zona rossa, con le misure restrittive più stringenti, mentre il resto dell’Italia è in zona arancione. Tra queste, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Toscana promosse da oggi dal ‘rosso’.

I colori delle regioni

Ecco, nel dettaglio, com’è divisa l’Italia per questa settimana:

In zona arancione: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto e alle Province autonome di Bolzano e Trento;

In zona rossa: Campania, Puglia, Sardegna e Valle d’Aosta.

Alcune regioni hanno pubblicato delle ordinanze per alcuni territori con dati peggiori, con alcune restrizioni dedicate e più stringenti.

Cosa si può fare

Il passaggio dalla zona rossa a quella arancione prevede la riapertura di tutti i negozi, la possibilità di circolare liberamente all’interno del proprio comune senza autocertificazione ed il ritorno in presenza fino alla scuola media e dal 50 al 75% anche per le superiori. Ed è possibile fare visita a parenti o amici, una volta al giorno, verso un’altra abitazione privata dello stesso comune tra le ore 5 e le 22, per un massimo di due persone (esclusi i minori di 14 anni).

Restano attive tutte le altre restrizioni, compresa la chiusura di ristoranti e bar (asporto e domicilio esclusi), cinema, teatri, palestre e piscine. Per queste, con l’attuale decreto, non ci sono spiragli almeno fino al 30 aprile, ma non è escluso venga discusso a breve un allentamento delle restrizioni, almeno in alcune regioni, dal 20 aprile.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati