Colori regioni: Valle d’Aosta in zona arancione, cosa cambia

Le altre regioni restano tutte in zona gialla o bianca

Colori regioni: Valle d’Aosta in zona arancione, cosa cambia

I numeri sono ancora un po’ in salita, anche se l’Italia appare vicina al picco di questa quarta ondata della pandemia, quella condizionata dalla variante Omicron. Il venerdì è il classico giorno delle decisioni del Ministero della Salute sui colori delle regioni, che poi entreranno in vigore a partire da lunedì 17 gennaio 2022.

I colori per la prossima settimana

Nonostante siano state anche altre le regioni a rischio, solamente la Valle d’Aosta passa in zona arancione, avendo superato tutti e tre i parametri limite legati a incidenza e ricoveri. Restano in zona gialla, invece, le regioni più grandi come Lombardia, Lazio, Veneto e Piemonte, che nei giorni scorsi temevano il ‘declassamento’.

Zona arancione: cosa cambia

Mentre tra zona bianca e zona gialla non cambia nulla, dopo i più recenti decreti, ci sono cambiamenti per chi entra in zona arancione. Non per i vaccinati o i guariti, per i quali le regole sono le stesse delle zone precedenti. Per chi non è vaccinato, invece, scattano alcune restrizioni: oltre ai divieti già presenti in qualsiasi zona, è vietato l’accesso ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi), l’effettuazione di corsi di formazione in presenza e la pratica di sport di contatto all’aperto.

Un cambiamento importante avviene per gli spostamenti: è necessario almeno il Green Pass base (quello ottenuto anche con un tampone negativo) per poter uscire dal proprio comune, tranne per motivi di lavoro, salute o necessità, da dichiarare con l’autocertificazione. Insomma, scatta un vero e proprio lockdown per i ‘no vax’.

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati