Lamborghini Diamante: sognando il futuro a occhi aperti

Una visionaria supersportiva elettrica per il 2023

La Lamborghini Diamante è un suggestivo concept virtuale "ambientato" nel 2023 per i 60 anni del Toro

Della Lamborghini Diamante non c’è traccia a Sant’Agata Bolognese; nessun progetto reca questo nome ma nel web stanno girando da ore le splendide immagini di questo “Toro” sconosciuto e misterioso.

In realtà la Lamborghini Diamante è un esercizio di stile di un laureando in design all’Università di Coventry, Thomas Granjard, il quale ha pubblicato sul proprio sito un suggestivo set di immagini tridimensionali. Il prototipo virtuale prende forma da una visione del giovane designer che contestualizza in un futuro ben definito la sportiva.


E’ il 2023, il petrolio scarseggia e con esso i carburanti tradizionali; l’esigenza di mobilità è costante e l’alternativa è elettrica. Non si tratta di una alternativa piatta e noiosa, priva di emozioni forti e di sogni, nei quali Granjard visualizza in maniera completa e definita la Lamborghini Diamante. Seguendo la tradizione del Marchio anche le forme della Diamante sono ispirate dai possenti tori da combattimento; la vista del quarto anteriore ricorda le spalle contratte e la testa bassa di un toro in piena carica.


Nell’idea del suo disegnatore la Lamborghini Diamante è equipaggiata da quattro unità elettriche in grado di generare 800 cavalli e una mostruosa coppia di 1400 Nm; il progetto prevede anche l’impiego di una microturbina alimentata da carburanti alternativi per la ricarica delle batterie al litio e di un sistema analogo al KERS per un boost di potenza che innalza i cavalli disponibili a quota 965.


Emblematicamente il 2023 coincide con il 60° anniversario di Lamborghini, con cui Granjard precisa di non avere alcun legame.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Concept Car

    Lascia un commento

    2 commenti

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati