Nissan X-Trail e Juke MY 2014, primo contatto

Uno può affrontare tutto, l'altro è sempre più unico

Nissan X-Trail MY 2014 e Juke MY 2014 - Grossi cambiamenti per la casa giapponese, che pensiona il Qashqai+2 sostituendolo con la terza generazione del suo SUV, mentre il piccolo crossover della casa rimane fedele a se stesso, ma aggiungendo anche tantissime "chicche" per renderlo sempre più personale e unico

Quando Nissan si mette a lavorare sulla sua offerta di crossover, possiamo pure stare tranquilli che avrà in programma qualcosa di interessante. Del resto stiamo parlando di una delle case maggiormente attive nel campo dei piccoli SUV compatti e con le nuove versioni di X-Trail e Juke ci ritroviamo davvero davanti ad una collezione degna di nota, che completa quanto iniziato solamente pochi mesi fa con il nuovo Qashqai. Soprattutto l’X-Trail si lega al principale crossover della casa nipponica, in quanto la nuova generazione ha deciso di abbandonare in maniera decisamente netta la sua “verve” quasi da fuoristrada, optando invece per qualcosa di più pratico e cittadino. Il risultato é una vettura che, di fatto, sostituisce completamente il Qashqai+2, che non verrà più prodotto da Nissan. Chi avrà bisogno di un sette posti potrà rivolgersi all’ex fuoristrada, che cambia radicalmente e si avvicina ancora di più al family feeling delle ultime creazioni del marchio. Discorso diverso, invece, per la Juke: anche qui parliamo di un’auto in grado di vantare un successo davvero notevole, nonostante le condizioni del mercato. Basti osservare quante se ne vedono in giro nelle grandi città. Per questo motivo Nissan ha pensato di non rivoluzionare l’auto, ma di tenerla quasi invariata tranne per alcuni punti chiave. Andiamo, però, con ordine e partiamo prima di tutto parlando del nuovo X-Trail.

Nissan X-Trail MY 2014

Come abbiamo detto, la terza generazione dell’X-Trail é piuttosto diversa rispetto a quanto abbiamo visto in passato. Le sue forme molto nette e squadrate sono state ora decisamente ingentilite e arrotondate, rendendolo incredibilmente simile al Qashqai, con il quale effettivamente condivide molto. Secondo la casa, comunque, non ci sarebbe da preoccuparsi che le due vetture si rubino clienti a vicenda, in quanto il Qashqai é stato pensato per essere più funzionale e immediato, mentre il nuovo X-Trail é nelle intenzioni qualcosa di più raffinato e curato, sia negli optional che nella dotazione di serie. Tra l’altro il principale avversario sul mercato sarà una vecchia conoscenza del segmento, ovvero lo storico Toyota RAV4. Una vettura che possiede già un nome in questo settore e per battere il quale occorrerà fare le giuste mosse per convincere il pubblico.

Cosa si é deciso quindi di fare con l’X-Trail? Come abbiamo appena detto, le forme sono cambiate e ora sono molto più vicine al concetto di coupé, per quanto con le dovute limitazioni. L’obiettivo é quello di unire la funzionalità tipica del Qashqai con una maggiore dinamicità e da quanto abbiamo potuto vedere nella nostra prima prova su strada, l’obiettivo é decisamente centrato. Partiamo prima di tutto la design, che come detto riprende alcune delle principali idee del resto della produzione del marchio. Troviamo anche qui il tema “V-Motion”, con una linea immaginaria che parte dal logo e dalla griglia per poi svilupparsi sui fari, lungo le fiancate e infine sul retro. I gruppi ottici sono stati quindi sensibilmente ridisegnati, andando a riprendere lo stesso tema del Qashqai. Notiamo anche i parafanghi, decisamente più alti, e numerosi elementi aerodinamici che completano il quadro. Le dimensioni sono leggermente aumentate rispetto alla generazione passata, dato che il nuovo X-Trail é più lungo di 8 mm e il suo passo é aumentato di 76 mm. Vale però la pena sottolineare la differenza con il Qashqai, rispetto al quale questo mezzo guadagna 266 mm di lunghezza, 60 mm di passo, 20 mm di altezza e ben 100 mm di altezza da terra.

L’abitacolo presenta delle forme decisamente più nette rispetto all’esterno, ma comunque lo stile Nissan rimane ben evidente. I sedili sono ampi e abbastanza comodi, mentre il sistema di infotainment Nissan Connect (con collegamento a Internet e display da 7 pollici) é posizionato come sempre all’interno di una cornice di plastica dura, che questa volta viene però completata da numerosi inserti decorativi che contribuiscono a renderla più omogenea con il resto del cruscotto. Pollice alzato per la visibilità dello schermo, decisamente migliorata rispetto al passato (quando bastavano gli occhiali da sole e una bella giornata serena per rendere qualsiasi indicazione praticamente invisibile). Il quadro comandi é ora completato anche da un piccolo display da 5 pollici con le informazioni principali della vettura. Buono lo spazio interno, aiutato anche dalla presenza tra gli optional del tetto panoramico in vetro apribile. I passeggeri possono contare su 660 mm per le gambe, mentre la fila posteriore dei sedili ha un gioco di 260 mm con 8 diverse posizioni. Questo naturalmente ha un effetto diretto sulla capacità del bagagliaio, che arriva a ben 550 litri con due mensole che consentono di organizzarlo al meglio a seconda delle esigenze.

nissan-x-trail-2014-primo-contatto_49

Parliamo ora di meccanica: al momento del lancio in Italia il nuovo Nissan X-Trail avrà a disposizione una sola motorizzazione. Si tratta del diesel dCi da 1.600 cc, capace di generare una potenza massima di 130 CV ad un regime di 4.000 giri al minuto. Buona anche la coppia, che arriva a 329 Nm a partire da un regime di 1.750 giri. Secondo i dati ufficiali della casa, questa unità sarà in grado di percorrere 100 km di strada con 4,9 litri di gasolio, mentre le emissioni di CO2 si assesterebbero sui 129 g/km (performance ottenute anche grazie all’alleggerimento complessivo della struttura di 90 kg. Molto ricca la dotazione di sistemi di sicurezza e di aiuto alla guida. Anche sull’X-Trail debutta il Safety Shield (già visto su Note e Qashqai), ovvero il pacchetto di sistemi di sicurezza che include frenata di emergenza, controllo dell’angolo cieco, controllo della corsia e persino rilevatore di stanchezza e di segnali stradali. Insomma, un pack davvero completo, arricchito anche dalla videocamera di retromarcia a colori con visione a 360 gradi. A tutto questo é possibile aggiungere anche il sistema di parcheggio automatico e lo chassis control per la gestione della coppia e della potenza nelle situazioni più difficoltose. Chiudiamo infine con la trazione: é possibile scegliere la due ruote motrici con cambio manuale o con lo speciale automatico X-Tronic, e infine la versione a quattro ruote motrici con sistema All Mode 4x4i, dotato di un pulsante interno di gestione per passare agilmente dalla trazione anteriore a quella integrale.

Il nuovo Nissan X-Trail purtroppo in Italia si farà aspettare un pochino, dato che non arriverà nei concessionari prima di settembre. Sappiamo già, però, che il 20-21 di quel mese é già previsto il primo porte aperte, durante il quale sarà possibile provare anche i tre allestimenti dedicati (Visia, Acenta e Tekna). Il prezzo di partenza per il Visia a due ruote motrici e cambio manuale sarà di 27.500 €, mentre il top di gamma, con allestimento Tekna e All Mode, verrà prezzato a 34.300 €.

Nissan Juke MY 2014

Passiamo ora al nuovo Juke, il piccolo della casa. Come abbiamo detto all’inizio, il crossover compatto di Nissan preferisce non rivoluzionarsi, bensì migliorare sia dal punto di vista estetico che tecnico i suoi punti di forza. Soprattutto in questo caso notiamo la volontà di creare un SUV dalle forma vagamente “coupé”, pur mantenendo comunque l’aspetto della vettura robusto e nettamente emozionale. Il Juke, del resto, punta tantissimo sul feeling, grazie al suo look particolare e unico nel suo genere. Una scommessa che Nissan ha deciso di portare ulteriormente avanti, seguendo però anche la tendenza del mercato per tutte le auto che vogliono affermare la propria personalità. La parola d’ordine é sempre la stessa: personalizzazione.

Rispetto al passato, infatti, il nuovo Juke può ora contare su una serie di pacchetti cromatici, che vanno ad influenzare sia gli interni che gli esterni della struttura. I colori a disposizione della carrozzeria sono dieci (di cui tre nuovi) e il cliente può ora scegliere anche le colorazioni di specchietti, cornici dei fari e altri dettagli fino ad un massimo di 300 combinazioni diverse. Lo stesso schema di colori si può riproporre anche all’interno, grazie ai numerosi inserti e alle cuciture colorate a contrasto. Queste possibilità si vanno ad aggiungere ai nuovi gruppi ottici, al rinnovato paraurti (più netto e aggressivo) e al tetto in vetro apribile, anche in questo caso inserito tra gli optional. Oltre a questo, molto poco é cambiato, per via della volontà di conservare la “Jukeness” del veicolo (vorremmo tradurre in italiano questo termine, ma ci perdonerete se non ci viene in mente nulla di meglio di “Jukkositá”). L’abitacolo presenta sempre un buono spazio per la categoria, pur senza esagerare. Le forme del cruscotto sono morbide e per tarate e la possibilità di vedere cofano e fari direttamente dal posto di guida continua a fare davvero un gran de effetto. Buono anche il sistema di infotainment, sempre con software Nissan Connect, che può contare su un display da 5,8 pollici. Pollice alzato per l’aumentata capacità del bagagliaio (+40%), che arriva ora a 354 litri.

nissan-juke-2014-primo-contatto_26

Per quanto riguarda i motori, le novità più grandi sono il nuovo DIG-T da 1.2 litri con potenza da 115 CV e, soprattutto, il nuovo 1.6 DIG-T in grado di toccare i 190 CV di potenza e i 240 Nm di coppia massima. Parliamo quindi di valori molto vicini agli standard della gamma Nismo, con in più in dotazione anche la possibilità di passare alla trazione integrale. Grazie ai vari sistemi di aiuto alla guida e all’ormai immancabile Safety Shield della casa, il nuovo Juke si presenta come al solito come una vettura molto divertente da guidare, anche se la comodità raggiunta dal cambio automatico CVT (al quale potremmo solo lamentare alcuni rapporti un po’ troppo lunghi) la rende decisamente una vettura estremamente pratica per la città e il traffico intenso. Disponibile a partire dal prossimo luglio, la nuova Juke sarà prezzata a partire da 16.650 €.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati