Opel Zafira Tourer eletta monovolume più ecologica del 2014

Premiata la versione 1.6 ecoM Turbo metano

Ople Zafira Tourer - Okotrend e Auto Test hanno scelto la Opel Zafira Tourer come monovolume più ecologica del 2014, grazie al motore ecoM della Casa del Fulmine, ottimizzato per utilizzare biogas, metano o entrambi. Bastano 4,7 kg di metano per percorrere 100 chilometri, mentre le emissioni di CO2 sono di 129 g/km.
Opel Zafira Tourer eletta monovolume più ecologica del 2014

L’anno è appena iniziato e già la Opel Zafira Tourer si porta a casa il primo riconoscimento del 2014. La vettura del Fulmine, in particolare la versione 1.6 ecoM Turbo, è stata nominata, dall’istituto ambientale indipendente Okotrend e dalla rivista specializzata Auto Test, monovolume più ecologica del 2014.

Il premio conquistato dalla Zafira Tourer è figlio della valutazione di due diverse sezioni: la prima relativa al funzionamento dell’auto (consumi, emissioni di CO2, rumorosità, ecc.), la seconda invece si basa sulla produzione dell’auto e sul suo costruttore.

A conquistare il titolo di monovolume più ecologica è stata la Opel Zafira Tourer 1.6 ecoM Turbo (metano), che offre una combustione pulita, e quindi basse emissioni, con consumi davvero ridotti. La vettura della Casa tedesca, che vanta un motore con una potenza di 150 CV è in grado di percorrere 100 chilometri con soli 4,7 kg di metano, mentre le emissioni inquinanti sono pari a 129 g/km. Con il solo metano l’autonomia della vettura arriva fino a 530 chilometri.

Già da diversi anni ormai Opel raccoglie i frutti di un percorso innovativo sulla propulsione alternativa iniziato nei primi anni 2000, che si è evoluto nelle realizzazione dei motori ecoM, ottimizzati per utilizzare metano, biogas o una combinazione di entrambi i carburanti, oltre a poter essere alimentati a benzina.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Ecologia

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati