Audi RS6 Avant: la station wagon si trasforma in una supercar [VIDEO]

Il pacchetto Stage 2 sviluppato da MTM ha aumentato potenza e coppia della già prestante sw

Audi RS6 Avant: la station wagon si trasforma in una supercar [VIDEO]

Un’Audi RS6 Avant è stata trasformata in una vera supercar da Mansory e MTM ed è protagonista di un video realizzato da Auditography e pubblicato su YouTube.

La RS6 Avant in questione si trova in Polonia e presenta un design esterno caratterizzato da un body kit accattivante che include fascia anteriore unica con uno splitter in fibra di carbonio e griglia con barre in fibra di carbonio.

Proseguendo, la vettura dispone di un nuovo cofano motore sviluppato da Mansory e dei cerchi da 22” con raggi blu e neri. Ulteriori modifiche sono state apportate al profilo laterale della super station wagon tedesca tramite l’installazione di nuove minigonne laterali.

Audi RS6 Avant Mansory MTM

Le sospensioni di questa particolare Audi RS6 Avant sono state abbassate, conferendogli una posizione su strada più aggressiva. Gli aggiornamenti apportati da Mansory proseguono sul retro dove troviamo una nuova fascia, uno spoiler sul tetto, uno spoiler sul portellone posteriore, ua diffusore in fibra di carbonio, un paraurti di nuova concezione e quattro terminali di scarico. Da notare anche i fari e gli stemmi posteriori che sono stati oscurati.

Di serie, l’Audi RS6 Avant viene fornita con un motore V8 biturbo da 4 litri capace di sviluppare 600 CV di potenza e 800 Nm di coppia massima. Questi numeri non erano però abbastanza per il proprietario che ha deciso di affidarsi a MTM e sfruttare il suo pacchetto Stage 2.

Questo ha portato i numeri a 832 CV e 1167 Nm. Adesso, l’Audi RS6 Avant impiega meno di 3 secondi per passare da 0 a 100 km/h e raggiunge una velocità massima di 330 km/h.

Audi RS6 Avant Mansory MTM

 
5/5 - (1 vote)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati