Ferrari, vendite record e dimissioni di Pininfarina

Ferrari, vendite record e dimissioni di Pininfarina

Nel 2009, le vendite Ferrari hanno subito un calo del 5% rispetto all’anno 2008 in cui ben 6.250 auto sono state prodotte (si trattava di un record per il Cavallino Rampante). Nel 2010 invece, la casa di Maranello è riuscita a fare meglio rispetto al 2009 e perfino meglio dell’anno 2008: ciò si traduce in 6.573 veicoli consegnati, di cui 1.750 nel nord-america e 300 esemplari in Cina.

Adesso parliamo del bilancio di quest’anno. Basandoci sugli ultimi risultati registrati durante i 9 ultimi mesi, si pensa che la soglia dei 7.000 esemplari possa essere superata senza molti problemi. Durante il consiglio di amministrazione, Luca Cordero di Montezemolo ha reso noti i risultati del periodo gennaio/settembre. Crisi economica o no, i clienti Ferrari non sembrano essere minimamente colpiti dalla recessione. Anzi, diventano sempre più numerosi e ciò a contribuito a far salire le vendite del Cavallino. Per capire meglio di cosa si tratta, ecco alcune cifre da tenere in mente. Nel mercato nord-americano, più precisamente USA e Canada, il numero di auto vendute è pari a 1.436 esemplari (+14.3%). Seguono poi il trio Cina, Taïwan e Hong Kong che rappresentano il secondo mercato più importante con ben 542 auto vendute.

Spostiamoci adesso nel nostro continente. In testa della classifica europea troviamo Germania e Regno Unito con rispettivamente 503 esemplari (+15.1%) e 384 esemplari (+23.1%). Facendo due conti, il fatto che Ferrari possa oltrepassare ampiamente la soglia dei 7.000 esemplari è più che possibile, per non dire scontato. Nel 2012, i mercati più importanti potrebbero essere la zona Cina, Taïwan e Hong Kong insieme all’India. Infine, il consiglio di amministrazione ne ha approfittato per parlare dell’uscita di scena di Sergio Pininfarina, che ha giocato un ruolo fondamentale nella storia della Ferrari, per motivi personali, il quale verrà sostituito da Keith Palmer, direttore finanziario di Fiat SpA e Chrysler.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati