Gruppo Volkswagen, completata l’acquisizione di Porsche

Ora il controllo della Cavallina è tutto nelle mani di Wolfsburg

Il colosso tedesco entra in pieno possesso del marchio di automobili sportive tra i più noti al mondo. Lo fa creando un nuovo veicolo societario e spendendo 4,49 miliardi di euro per il 50,1% del brand di Zuffenhausen
Gruppo Volkswagen, completata l’acquisizione di Porsche

Porsche è stata completamente acquisita dal Gruppo Volkswagen, come promesso da quest’ultimo pochissime settimane fa: un sogno che si avvera per i manager del colosso tedesco e soprattutto per il super-boss Ferdinand Piech, alla guida della società di Wolfsburg e nipote di quel Ferdinand Porsche che fondò l’omonima casa automobilistica. Con l’acquisto del 50,1% del marchio di Zuffenhausen, il Gruppo Volkswagen entra in possesso pieno di uno dei marchi sportivi più noti ed apprezzati al mondo.

Per riuscire ad aggirare gli ostacoli che sino ad oggi avevano bloccato la completa acquisizione di Porsche da parte del Gruppo Volkswagen e per velocizzare l’operazione, la società Volkswagen Aktiengesellschaft e la società Porsche Automobil Holding SE hanno creato il veicolo Integrated Automotive Group (IAG), una nuova realtà in cui confluisce il 49,9% di Porsche che sino ad ora apparteneva al Gruppo Volkswagen ed il 50,1% del brand nelle mani della holding Porsche SE. Per questa operazione, la società ha speso 4,49 miliardi di euro.

Martin Winterkorn, l’Amministratore Delegato di Volkswagen, ha annunciato prontamente che la cooperazione tra Porsche e le altre aziende del Gruppo sarà ora più profonda, ma ha anche precisato che Porsche manterrà una propria identità ed una sua forte indipendenza gestionale, com’è giusto che sia per un brand con un’immagine ed una tradizione così importanti e profonde. Il Gruppo Volkswagen si fa sempre più forte e guarda con sempre più insistenza alla meta che s’è prefissato di raggiungere: essere entro il 2018 la società automobilistica con il maggior numero di vendite al mondo.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati