Lancia Olgiata SW: una shooting brake dall’antico splendore [RENDER]

Ispirata alla Lancia Gamma Olgiata del 1982

Lancia Olgiata SW: una shooting brake dall’antico splendore [RENDER]

Il futuro di Lancia e la curiosità di scoprire i modelli che arriveranno ad ampliare la gamma, affiancando la “solitaria” Ypsilon, nel tentativo di rilanciare il marchio italiano sono sempre più al centro delle attenzioni degli appassionati, desiderosi di una rinascita e di un nuovo capitolo del brand ora sotto l’aurea di Stellantis.

Guardare al domani senza dimenticare il glorioso passato è quasi un dovere per Lancia, così come sottolineato dallo stesso marchio con il documentario sulla sua storia a ispirare il nuovo percorso che s’appresta a intraprendere il brand guidato da Luca Napolitano, e con la penna del designer Jean-Pierre Ploué pronta a dar forma ai futuri modelli Lancia.

Il render di una shooting brake che evoca la Gamma Olgiata

Ed è proprio nell’antica tradizione, con un viaggio nel passato che ci porta indietro di quasi 40 anni, che il designer Mirko del Prete è andato a pescare per dar vita al suo nuovo render che immagina uno dei possibili nuovi modelli di Lancia. Parliamo di una shooting brake, un elegante station wagon con la coda spiovente, che trae ispirazione dalla Lancia Gamma Olgiata, una one-off che venne presentata al Salone di Parigi nel lontano 1982, presentandosi come variante familiare a tre porte della fascinosa, ma probabilmente incompresa, Lancia Gamma Coupé.

Basata sulla Peugeot 508

Rispetto alla Lancia Gamma Olgiata dei primi anni ’80, questa moderna shooting brake propone una più classica configurazione cinque porte, basando gran parte della sua struttura costruttiva sulla piattaforma dell’attuale Peugeot 508, mantenendo anche dimensioni simili. Dotata di un design fatto di linee semplici e sobrie che puntano all’eleganza e alla raffinatezza senza strafare, la moderna Lancia Olgiata SW si proporrebbe sul mercato come protagonista di fascia premium nel segmento D. 

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati