Mercedes C63 AMG Coupe V63 Supercharged by VÄTH, oltre il concetto AMG

Motore pompato fino a 680 Cv di potenza

VÄTH continua a sfornare versioni speciali delle auto AMG, come questa speciale C63 Coupé che è stata dotata di un nuovo bodykit e di un motore che romba come uno shuttle in partenza
Mercedes C63 AMG Coupe V63 Supercharged by VÄTH, oltre il concetto AMG

Con i modelli AMG, l’intento di Mercedes era quello di dare ai suoi clienti la possibilità di avere tra le mani una vera e propria sportiva da usare tutti i giorni: qualcosa in più di una semplice Mercedes. Poi c’è chi, come VÄTH, cerca di accontentare i clienti sempre insoddisfatti.

Ecco come nasce questo progetto V63 Supercharged basato sulla C63 AMG Coupe. Cominciamo dall’estetica complessiva della super AMG. La V63 Supercharged si fa notare a prima vista per la sua colorazione bianca in contrasto con i cerchi in lega neri da 20 pollici. Ma le modifiche vanno ben al di là, come sempre nel mondo delle elaborazioni. Il kit proposto da VÄTH è formato da un nuovo spoiler anteriore in fibra di carbonio e un diffusore posteriore realizzato nello stesso materiale per migliorare la downforce in curve ad alta velocità. Sono disponibili nuove sospensioni Clubsport che consentono all’auto di abbassarsi dai 20 ai 65 mm: molto utile quando si devono affontare strade deformate o più semplicemente dossi. Gli interni sono rimasti invariati o quasi con l’aggiunta di legno pregiato e inserti in fibra di carbonio che rendono questa C63 elegante ma anche sportiva allo stesso tempo. Le novità principali si trovano sotto pelle: l’elettronica del V8 6.2 è stata modificata e un compressore fa ormai parte della famiglia AMG insieme ad un nuovo sistema di raffreddamento. Si tratta di modifiche che portano i 457 cavalli originari a quota 680.

Grazie a questi nuovi settaggi, la Mercedes C63 AMG Coupe V63 Supercharged by VÄTH è in grado di accelerare da 0 a 100 in appena 4 secondi, contro i 4.5 secondi della C63 di serie, mentre la sua velocità massima oltrepassa i 330 km/h.

Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati