Cristiano Ronaldo si regala una Ferrari Monza SP2

Nuova supercar da 1,6 milioni per l'attaccante portoghese

Cristiano Ronaldo si regala una Ferrari Monza SP2

Ieri Cristiano Ronaldo si è recato a Maranello facendo visita alla Ferrari. Un gita fuori porta con la quale il campione portoghese ha provato a mettersi alle spalle la pesante sconfitta subita dalla Juventus contro il Milan domenica sera.

In visita a Maranello e sulla pista di Fiorano

CR7, che ha dedicato la sua giornata di riposo alla sua grande passione per l’automobilismo, è arrivato in elicottero nel quartier generale del Cavallino Rampante dove ad accoglierlo c’erano il presidente della Ferrari John Elkann e il presidente della Juventus Andrea Agnelli. Nella sua visita in casa Ferrari Ronaldo si è recato anche sulla pista di Fiorano, dove ha incontrato il team principal della Scuderia Ferrari, Mattia Binotto, e i piloti della Rossa, Charles Leclerc e Carlos Sainz, omaggiati entrambi con una maglia della Juve numero 7 autografata, posando per una foto ricordo accanto alla monoposto del pilota monegasco. 

Una Ferrari Monza SP2 ultra personalizzata per CR7

In realtà la visita di Cristiano Ronaldo a Maranello aveva un obiettivo più concreto, dato che l’attaccante portoghese, dopo aver visitato lo stabilimento dove nascono le supercar del Cavallino, ha deciso di comprarsi una Ferrari Monza SP2. Parliamo della fascinosa biposto in serie limitata da 499 esemplari, uno dei quali c’è l’ha anche il “collega” di CR7 Zlatan Ibrahimovic. La Monza SP2, bolide da 830 CV, ha un prezzo base di quasi 1,6 milioni di euro, non certo un problema il portafoglio di Cristiano Ronaldo che, conoscendo la sua passione per la personalizzazione delle sue supercar, spenderà sicuramente molto di più rispetto al prezzo della modello standard. 

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati