Dacia: l’ibrido nel prossimo futuro, elettrica dal 2026

Le prossime strategie sull'elettrificazione del marchio romeno

Dacia: l’ibrido nel prossimo futuro, elettrica dal 2026

La Dacia Spring è stata la prima vettura 100% elettrica del marchio del Gruppo Renault, ma è destinata a restare un unicum, almeno per i prossimi anni. Il futuro immediato della casa romena è legato sì all’elettrificazione, ma puntando soprattutto sull’ibrido: “Un ottimo compromesso per una riduzione di CO2 con costi contenuti”.

Pratica ed economica

Le parole sono di Philippe Brunet, dirigente del Gruppo Renault nella sezione ‘veicoli elettrici’, nel corso di una tavola rotonda, riportata da Motor1. L’obiettivo di Dacia, infatti, è quella di rimanere sempre fedele al proprio DNA, che ha portato grande successo a livello europeo ed anche italiano: cioè dei modelli economici e pratici.

Un mix difficile da raggiungere, per il momento, con le motorizzazioni solamente a zero emissioni. Per questo, c’è l’attesa per le future tecnologie, soprattutto legate alle batterie ed ai suoi costi: “A partire dal 2026, anche Dacia potrà passare all’elettrico puro – ha proseguito Brunet – Servirà attendere la prossima generazione di batterie”.

I modelli

La Dacia Sandero è sicuramente una vettura del marchio ad essere indiziata di venir proposta con la motorizzazione ibrida, anche se è arrivata a fine 2020 la nuova generazione senza elettrificazione, mentre dalle indiscrezioni dovremo avere anche una Duster ibrida, magari già con il restyling in arrivo tra non molto.

Per avere conferme definitive, però, sarà necessario attendere ulteriori indicazioni nel corso dei prossimi mesi, quando molte case inizieranno a parlare con maggiore precisione delle novità previste per il 2022. Guardando anche più avanti.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati