Peugeot 308 2021: il PRIMO CONTATTO con la versione ibrida plug-in da 225 CV [VIDEO]

Ecco come va l'ibrida alla spina più potente della Casa del Leone

In un mondo dove “l’avanzata SUV” sembra inarrestabile e monopolizza di fatto il del mercato dell’auto c’è ancora uno “zoccolo duro” che resiste. È quello delle auto compatte ovvero il segmento dove per lungo tempo la Volkswagen Golf la faceva da padrona ma doveva confrontarsi con le rivali Ford Focus e Peugeot 308. Proprio quest’ultima si è completamente rinnovata compiendo un balzo in avanti incredibile per quanto concerne il design, motorizzazioni e comparto tecnologico. Tutte frecce nella faretra della nuova Peugeot 308 che abbiamo potuto provare in anteprima a Cannes, in Francia dimostrandosi una validissima alternativa alle versioni a ruote rialzate.

Esterni: più grande e sportiva

La nuova Peugeot 308 si rinnova stilisticamente diventando più elegante e sportiva. Il frontale trasmette subito cattiveria grazie allo sguardo sottile a LED – di serie ma a matrice di LED opzionali – con tanto di “zanne luminose” verticali che certificano anche su 308 il nuovo family feeling del Brand. La mascherina diventa molto più larga rispetto al passato e nelle versioni alto di gamma diviene ad effetto tridimensionale ospitando nel mezzo il rinnovato logo della Casa del Leone che debutta proprio con nuova 308. Si alza la linea di cintura ed il laterale viene snellito nella zona inferiore grazie a profonde nervature. Il posteriore si caratterizza per i fari a LED sottili uniti tra loro da un fascione nero lucido mentre nella zona del paraurti vengono annegati nel diffusore due terminali di scarico che sono, purtroppo, finti.

Interni: nuovo i-Cockpit

Protagonista dell’abitacolo Peugeot da 12 anni a questa parte è sicuramente l’i-Cockpit che viene ulteriormente aggiornato con una strumentazione rialzata completamente digitale da 10’’ che può avere anche il quadro strumenti 3D che sovrappone, in maniera personalizzabile, le diverse informazioni tra cui la mappa di navigazione grazie all’aggiunta di uno schermo di cristallo supplementare. Il volante rimane sempre dalle dimensioni compatte con un diametro contenuto e viene tagliato sia nella parte superiore sia nella parte inferiore. Nonostante questo per vedere chiaramente la strumentazione bisogna orientare il volante in una posizione più bassa rispetto alla norma. La diagonale dello schermo centrale riservato all’infotainment cresce a 10’’ proprio come successo con la Peugeot 508. Sotto di esso abbiamo poi vari tasti virtuali configurabili e personalizzabili chiamati “i-toggle” che servono da menù a scelta rapida per l’infotainment. Il climatizzatore non ha delle pratiche rotelle e per il suo funzionamento e settaggio bisogna entrare nel menù dedicato tramite tasto “i-toggle” oppure si può chiedere aiuto al nuovo assistente virtuale evoluto pronunciando la frase “Ok Peugeot” che porta in rete la nuova 308. Ovviamente non manca la piena compatibilità con Android Auto ed Apple CarPlay anche in modalità senza fili con tanto di piastra a induzione per ricaricare il proprio smartphone. A livello stilistico, poi, è cambiato il look del tunnel centrale che nelle versioni con cambio automatico EAT8 perde la leva a favore di una leva più corta ben integrata e numerosi vani porta oggetti. Buona l’abitabilità interna per 5 persone anche se i più alti possono sfiorare con la testa il cielo della vettura e con le ginocchia lo schienale delle sedute anteriori.

Bagagliaio: meno spazio se ibrida

A livello di capacità del vano bagagli si parte da 412 litri standard fino a 1.323 a divano posteriore abbattuto. Spazio che va da 608 a 1.634 litri nella versione con carrozzeria station wagon. Le ibride plug-in perdono 51 litri rispetto alle versioni endotermiche benzina e diesel a causa della presenza delle batterie.

Al volante della Hybrid 225: ecco come va

Al volante della nuova Peugeot 308 Hybrid 225 la trazione è solo anteriore ed il cambio automatico EAT8 a 8 rapporti. Impressionante la silenziosità di marcia a basse andature; sembra quasi di essere a bordo di un’auto elettrica con un comfort acustico davvero elevato. Soltanto premendo a fondo il pedale dell’acceleratore per sperimentare il “kick-down” si avverte la voce del 1.6 litri turbo benzina. Un motore endotermico sotto al cofano che eroga 180 CV che viene aiutato da una unità elettrica integrata nel cambio automatico capace di 110 CV di potenza. La potenza combinata è di 225 CV e 360 Nm di coppia con prestazioni dichiarate che vedono la nuova 308 ibrida accelerare da 0 a 100 km/h in 7,4 secondi e raggiungere la velocità massima di 235 km/h. Ci sono tre modalità di guida: Electric che le permette di viaggiare a zero emissioni fino a 60 km di autonomia, Hybrid in cui è la centralina dell’auto che decide in maniera autonoma come fare dialogare il motore termico con quello elettrico e Sport dove abbiamo sempre disponibile tutta la potenza dell’auto con i suoi 225 CV.

La piattaforma è sempre la EMP2 ma è stata profondamente rivista dagli ingegneri francesi vista anche l’inedita elettrificazione mentre lo schema delle sospensioni rimante McPherson all’anteriore con il ponte torcente al posteriore. Il peso della Puegeot 308 Hybrid 225 è importante visto che sfiora i 1.700 kg totali ma grazie al telaio più rigido e setup delle sospensioni morbide il risultato a livello dinamico è abbastanza neutro con un livello di comfort a bordo sempre elevato. Il volante dalle piccole dimensioni invoglia ad aggredire le curve e si scopre che la nuova 308 con l’aggravio di peso delle batterie non soffre né di eccessivo rollio né beccheggio. È agile negli inserimenti con uno sterzo progressivo mai pesante. Una perfetta global car dall’estetica elegante e sportiva che mantiene un occhio di riguardo al comfort di marcia vero marchio di fabbrica delle auto francesi. Precisi e puntuali i nuovi sistemi di sicurezza ADAS di livello 2 che permettono una conduzione assistita della 308. Il cruise control adattivo è una vera comodità nei trasferimenti autostradali visto che la 308 centra perfettamente la corsia di appartenenza e curva da sola mantenendo la distanza di sicurezza da chi precede precedentemente impostata.

Batteria, tempi di ricarica e consumi

La Peugeot 308 elettrificata adotta una batteria da 12,4 kWh di capacità che le garantisce 60 km di autonomia a zero emissioni. La sua ricarica richiede circa 7 ore da presa domestica ma tramite wallbox o colonnina il tempo stimato scende a circa tre ore con il caricatore di serie da 3,6 kW. Tempo di ricarica che viene dimezzato grazie al caricatore opzionale da 7,4 kW. I consumi rilevati dal computer di bordo durante questo primo contatto con nuova 308 sono di circa 5 litri per 100 km ma per avere un dato più preciso e veritiero bisognerà aspettare di provarla a fondo per più tempo. 

Listino prezzi: aspettando l’elettrica e la GT

La nuova Peugeot 308 attacca ad un prezzo di 23.750 euro per la versione benzina 1.2 PureTech con cambio manuale a 6 marce e 26.550 euro per la versione diesel 1.5 litri da 130 CV. La versione ibrida plug-in 180 attacca a 36.550 euro mentre l’auto protagonista della prova la Hybrid 225 in allestimento GT Pack costa 43.450 euro. Per avere la carrozzeria station wagon bisogna aggiungere 1.000 euro in più rispetto alla motorizzazione ed allestimento scelto. Solo successivamente arriverà la versione completamente elettrica mentre non abbiamo notizie ufficiali sulla versione sportiva GT che, se confermata, dovrebbe cambiare sigla in PSE come già successo con Peugeot 508.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati